Fare arte ad Ancona, affari in crescita: aumentano aziende e occupati

La cultura dà da mangiare eccome. Lo dicono i dati economici sulle attività legate all'arte: dalla produzione di strumenti musicali alla gestione di strutture dedicate fino all'editoria

La produzione di strumenti musicali ma anche le attività artistiche, i musei, le biblioteche e il commercio specializzato. Nella Top20 nazionale del settore figura anche Ancona, prima tra le province marchigiane, al 15esimo posto con 173 aziende attive nel 2018. Un dato che segna un aumento del 5,5% rispetto all'anno precedente. E che meno degli altri ha risentito della crisi se consideriamo che le aziende sono aumentate del 7,5% negli ultimi 5 anni, del 3% rispetto al 2008.

Quello anconetano rappresenta quasi il 41% dell'intero settore regionale. La parte del leone spetta alla fabbricazione di strumenti musicali (che trova l'apice nel distretto fidardense) ma vanno bene anche la vendita di mobili d'antiquariato, l'editoria e la gestione di strutture artistiche. Oltre il 27% delle imprese anconetane sono gestite da donne ma l'arte si mostra un settore appetibile anche per giovani (7,5%) e stranieri (4,6%). Il settore conta 741 addetti, in aumento del 3,2% rispetto al 2017.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre (Natale) e Dl spostamenti, cosa cambia nelle Marche: le modifiche

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Marche zona gialla o zona arancione? Acquaroli fa chiarezza

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

  • Coronavirus, screening di massa con tampone antigenico rapido nelle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento