Economia

Provincia di Ancona, nel 2014 richieste 18 mln di ore di cassa integrazione

Nel 2014 sono stati richiesti e autorizzati complessivamente 18 milioni di ore di CIG, inferiori ai valori del 2013 (-18,4%). E’ quanto emerge dai dati resi noti dall’INPS ed elaborati dall’IRES CGIL Marche


Oltre 1,3 milioni di ore di cassa integrazione richieste e autorizzate nel mese di dicembre in provincia di Ancona: 330 mila di CIG ordinaria, 345 mila di CIG straordinaria e 691 mila ore di cassa in deroga. E’ quanto emerge dai dati resi noti dall’INPS ed elaborati dall’IRES CGIL Marche.

Rispetto a dicembre 2013 emerge un calo della CIG complessiva: -31,7%. Nel 2014 sono stati richiesti e autorizzati complessivamente 18 milioni di ore di CIG, inferiori ai valori del 2013 (-18,4%).  Si tratta comunque di un elevato numero di ore di CIG equivalenti al mancato lavoro di oltre 13  mila lavoratori a tempo pieno.

Osservando le singole tipologie di cassa integrazione si rilevano le seguenti tendenze:

-le ore di Cassa integrazione ordinaria nel 2014 sono pari a 5,1 milioni  e registrano una significativa diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-48,3%), che interessa tutti i principali settori.

-le ore di Cassa integrazione straordinaria nel 2014 ammontano a 8,2 milioni, con incremento del 16,9% rispetto al 2013; consistente l’incremento della CIG nel mobile (+43,5%).

Il ricorso alla Cassa integrazione in deroga è pari a 5,1 milioni di ore, in calo rispetto allo stesso periodo del 2013; si evidenziano comunque gli aumenti nei settori della meccanica (+40,3%, 1,5 milioni di ore nel 2014) e del calzaturiero (+7,9%).

Anche se c’è un calo complessivo dell’utilizzo della cig ordinaria, che potrebbe far bene sperare per una timida ripresa, resta confermato un dato preoccupante e cioè la cig straordinaria che viene usata, di norma, in caso di gravi crisi aziendali – dichiara Vilma Bontempo, segretaria Cgil Ancona -. Questo significa che potrebbero verificarsi ulteriori chiusure aziendali o perdite di posti di lavoro con licenziamenti collettivi e tutto questo comporterebbe un ulteriore aggravamento del tessuto produttivo già abbastanza compromesso con la cancellazione di un quarto della nostra produzione manifatturiera. Una situazione generale che implicherebbe un peggioramento dell’occupazione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia di Ancona, nel 2014 richieste 18 mln di ore di cassa integrazione

AnconaToday è in caricamento