menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Saldi 2021, in calo di almeno il 20% sul 2020: il commento di Confcommercio

Il passaggio a questo secondo contesto farebbe crollare i dati previsionali sulle vendite promozionali come spiega il Direttore Confcommercio Imprese per l’Italia Marche prof.Massimiliano Polacco

ANCONA – Per i Saldi 2021, al via domani fino al prossimo 15 marzo, sono due i possibili scenari che ne condizionano le previsioni. Il primo, il più ottimistico, è quello che vedrebbe la nostra regione ancora nella cosiddetta fascia gialla mentre quello più pessimistico, e purtroppo anche apparentemente più realistico, si associa alla collocazione delle Marche in fascia arancione.

Il passaggio a questo secondo contesto farebbe crollare i dati previsionali sulle vendite promozionali come spiega il Direttore Confcommercio Imprese per l’Italia Marche prof.Massimiliano Polacco: “Nonostante la situazione emergenziale – le sue parole –, abbiamo la sensazione, supportata da quanto ci dicono alcuni studi sulla propensione al consumo, che le persone vogliono tornare a fare shopping e vogliono superare almeno in parte, anche sfruttando gli sconti previsti durante i saldi, la propensione al risparmio che sta caratterizzando questi mesi. Pur considerando questa tendenza prevediamo comunque, se le Marche resteranno in zona gialla, una perdita rispetto all’anno scorso di almeno il 20%. Chiaramente i dati potrebbero cambiare se sarà confermato il cambiamento di scenario e si passerà dalla zona gialla alla zona arancione che praticamente limiterebbe lo shopping ai comuni di residenza. In questo caso il 20% preventivato diventerebbe sicuramente almeno un 40% di perdita rispetto all’anno scorso. Si tratta di un’ipotesi molto allarmante e preoccupante”.

La convinzione è che i saldi diano un po’ di ossigeno alle imprese anche perché con le difficoltà legate al Natale c’è abbondanza di merce nei negozi per cui ci sarebbe la possibilità di far fronte anche ad una richiesta più alta: “L’auspicio – conclude Polacco –, è che i Saldi di fine stagione aiutino le nostre aziende, in particolare quelle di Abbigliamento, Calzature e Accessori, a risollevarsi ma crescono le difficoltà e c’è un forte nervosismo da parte degli operatori per le perdite economiche ormai reiterate. Ecco perché i Saldi di fine stagione hanno una grande importanza e quest’anno ce l’hanno ancora di più se si considera la contingenza. Si tratta di un momento chiave per le Imprese che chiudono il bilancio, possono aumentare la liquidità e avviare la rotazione dei magazzini ma è anche un periodo molto atteso da parte dei consumatori che possono acquistare buoni prodotti a prezzi fortemente scontati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento