Tra Gramillano e Idv è scontro. Spunta il "giallo" della firma

"L'Idv firma tardi l'accordo. E' un segnale da interpretare". "E' il cabaret della politica" ribatte l'Idv che lancia la proposta: "21 consiglieri dimissionari per mandare a casa Gramillano"

 

Dopo il clamore delle dimissioni revocate  giovedì scorso, 5 minuti prima dello scadere del termine ultimo per scongiurare le elezioni anticipate e la firma dell’accordo a 5 “salva sindaco” tra Pd, Api, Ps, Udc e Idv, ora spunta il "giallo" della firma. L’Idv firma tardi dice Gramillano e il ritardo il sindaco se lo lega al dito. 
“La cronistoria è questa - dichiara Fiorello Gramillano-  ho revocato le mie dimissioni alle 17:55 all’Ufficio Protocollo dopo un tavolo con le forze politiche in questione, un tavolo a cui mancava però l’Idv, la cui firma è arrivata dopo”.
 
Una “firma fuori tempo massimo e strumentale” aveva commentato a caldo giovedì sera lasciando pensare ad un’estromissione dell’Idv dalla partita, un “segnale  comunque da interpretare” il commento nella serata di ieri che lascia una porta aperta ai dipietristi.
Intanto sul ritardo della firma l’Idv smentisce: “Non è assolutamente vero – ribatte il segretario cittadino Paolo Eusebi- l’Idv ha firmato insieme all’Udc e se è arrivata tardi la firma dell’Idv lo è arrivata anche quella dell’Udc”. 
 
Mentre è giallo sulla firma, tra Gramillano e l’Idv cresce la tensione. “Siamo al cabaret della politica. Dopo la firma dell’accordo ora ci troviamo alla finestra – commenta il coordinatore regionale Idv David Favia che rilancia “o il sindaco s rassegna al buon governo o meglio il commissariamento o 21 dimissionari per mandarlo a casa”.  
Il riferimento va alla proposta del consigliere Idv Alessandro Fusco che lancia la provocazione al Consiglio comunale: “le dimissioni contestuali della metà più uno dei membri del Consiglio Comunale ed il suo conseguente scioglimento, rappresentano ormai l’unica via d’uscita ed il primo passo per restituire dignità alla città ed alla politica anconetana”.
 
Ma l’Idv non disdegna nemmeno l’ipotesi “opposizione”,  dichiara Eusebi. Intanto, per il Sindaco l’unica certezza rimane quella del rimpasto e della presentazione della nuova giunta prevista per il prossimo 2 marzo. Ma il Sindaco non si sbottona: “E’ ancora presto. Devo ancora iniziare la fase dei confronti”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, l'autopsia: Maycons ucciso da una emorragia

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, ci sono 10 indagati tra medici e infermieri

  • «Mi ha fotografata mentre ero in bagno». Scoppia la lite al mare, arriva la polizia

  • Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

  • Raffica di furti nei negozi, incastrato dalle telecamere: in carcere un artigiano

Torna su
AnconaToday è in caricamento