Ristrutturare il bagno di casa: costi, tempistiche e agevolazioni fiscali

La primavera è anche il momento ideale dell'anno per la ristrutturazione del bagno. Qualche consiglio utile per farlo al meglio

Il bagno è la parte di casa dove la propria intimità è più protetta, per questo deve essere anche accogliente e spaziosa. Ogni bagno ha un suo stile che, almeno in teoria, dovrebbe rispecchiarsi in tutta la stanza. L’elemento che ruba l’occhio già all’ingresso è il lavabo ed è anche quello che, vista la sporgenza dalla parete, ruba spazio o lo fa risparmiare. 

Guida alle pulizie di primavera

Costruire una piscina in giardino: cosa fare

Diffusore per la casa, come scegliere la fragranza giusta

Lo stile e lo spazio del bagno

Lavabo: è consigliabile scegliere un mobile lavabo capiente e profondo, in funzione ovviamente alle dimensioni della stanza. 

Specchio: anche lo specchio vuole la sua parte, perché è l’oggetto che regala luce e profondità allo spazio. Dal modello con cornice per uno stile retrò a quello essenziale per uno arredo minimal, l’importante è che sia grande e ben illuminato.

Piante: contribuiscono a colorare e dare vita alla stanza. Sempreverdi, piene di fiori, colorate o solo in foglia sono un elemento indispensabile per firmare il proprio bagno. 

Sanitari e rubinetti: i sanitari nuovi di sicuro regalano un aspetto del tutto diverso al bagno. Dai classici a quelli più moderni, fino ai modelli sospesi la scelta è ampia, non dobbiamo fare altro che abbandonarci ai nostri gusti. Se abbiamo un bagno piccolo un’idea potrebbe essere quella di sostituire la vasca con la doccia. Per avere un effetto Spa, potete decidere di installare un soffione dell’effetto cromoterapia in grado di regalarvi il giusto relax anche in doccia. Se non volete realizzare interventi impegnativi, potete decidere di cambiare solo i rubinetti. Retrò sono perfetti per chi ama lo stile vintage, squadrati sono la scelta irresistibile per chi preferisce o stile moderno.

Pavimento: se particolarmente rovinato è arrivato il momento di rinnovarlo. Come per le piastrelle bisogna scegliere tinte non troppo scure. Inoltre deve essere facile da pulire, resistente e antiscivolo soprattutto se in casa ci sono bambini e anziani. Una soluzione semplice ed economica è scegliere pavimenti in resina o in microcemento, facili da applicare possono essere personalizzati e resistono nel tempo.

Illuminazione: quella gusta contribuisce a creare la dimensione ideale per il relax. E’ bene scegliere un lampadario centrale che richiami lo stile del bagno, da quello minimal per un ambiente moderno a quello più caratteristico per un bagno in stile provenzale. Se abbiamo bisogno di un pò di luce in più per truccarci o quando ci facciamo la barba, allora bisogna puntare tutto sui faretti dello specchio. 

Rivestimenti: è importante sceglierli in funzione dell’illuminazione, perché l’effetto combinato di luce-mattonelle può far apparire l’ambiente ancora più grande. Per questo i rivestimenti devono essere chiari, si va dal bianco al crema. Se amiamo i colori pastello, di tendenza in questo periodo, invece di cambiare le mattonelle possiamo decidere di verniciarle. In questo modo avremo un duplice vantaggio, non solo risparmieremo sui costi, ma nel caso in cui le tinte trendy dovessero cambiare basterà una semplice pennellata e il bagno sarà come nuovo.

Costi e tempi di restyling

In genere i tempi di una ristrutturazione variano da una a due settimane in base alle dimensioni del bagno. In quanto ai costi è bene considerare che le scelte sui sanitari e le finiture incidono molto sulla spesa insieme ad altri fattori come le dimensioni della stanza e altri come: 

Ristrutturazione totale o parziale? Cambiando piastrelle e pavimenti  il costo finale sarà più alto rispetto al semplice rinnovo degli accessori. Se decidiamo di ristrutturare il bagno rifacendo tubature e impianti, ma preferiamo conservare gli arredi, il prezzo si riduce sensibilmente.

Accessibilità: Se l’appartamento si trova al piano terra con affaccio sul cortile gli interventi sono più facili, se invece si trova nei piani alti in un palazzo senza ascensore trasportare il materiale diventa più difficile, quindi il preventivo della ditta potrebbe aumentare.
In linea generale il costo del rifacimento completo di un bagno si aggira tra i 3000 e i 7000 euro, ma è possibile risparmiare riutilizzando i vecchi arredi e scegliendo finiture belle ma economiche.

Bonus e detrazioni fiscali

Se abbiamo ancora qualche dubbio se ristrutturare o meno il bagno, un piccolo incentivo ci può venire dalla possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali. Fino al 31 dicembre 2019 potete usufruire di agevolazioni per la ristrutturazione del bagno fino al 50% di quanto è stato speso e che può essere recuperato in 10 anni come Irpef. La spesa massima è pari a 96.000€. Per usufruire degli incentivi deve essere una manutenzione straordinaria. Sempre fino al 31 dicembre 2019 si può ottenere il bonus mobili durante la ristrutturazione del bagno: questa agevolazione è pari al 50% di quanto speso per i mobili. La detrazione vale sempre e solo nel momento in cui si realizza la manutenzione straordinaria. 

A chi rivolgersi ad Ancona

Un elenco di alcune imprese specializzate nela ristrutturazione dei bagni

Impresa Edile Marco Donati, via Recanati 3 - Tel. 331 647 2514

Ristrutturazioni Ancona, via XXV Aprile 2 - Tel. 071 792 6643

Rinnova Interni Buzzi e Cionna, via Palombare 26 - Tel. 335 568 6914

Edil Plast, via dell'Industria 16 - Tel. 071 45090

Rebuilding Ancona, via Podesti 2 - Tel. 071 207 2021

Potrebbe interessarti

  • Acqua e detersivo non bastano, come pulire la lavastoviglie e allontanare i cattivi odori

I più letti della settimana

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Calcare e muffa nel box doccia, i rimedi fai da te per una pulizia professionale

  • Acqua e detersivo non bastano, come pulire la lavastoviglie e allontanare i cattivi odori

  • Piscine interrate: modelli e costi per portare la spiaggia in giardino

Torna su
AnconaToday è in caricamento