Meno infortuni in ospedale, bilancio positivo: -20%

Tra i lavoratori del nosocomio regionale si sono registrate meno denunce di infortunio all'Inail. Il commento della direzione: «Si investe in sicurezza e prevenzione»

È positivo il bilancio stilato dai vertici dell'azienda ospedaliera Ospedali Riuniti rispetto agli incidenti sul lavoro. Nel corso del 2018 se ne sono verificati 2019, in calo del 20% rispetto all'anno precedente. La maggior parte delle denunce di infortunio arriva dal rischio biologico legato al contatto con i paziente e alla possibilità di contrarre virus o batteri: 83 casi nel 2018 contro i 105 del 2017.

Seguono i rischi legati alla movimentazioni di pazienti e carichi (83) e le denunce per cadute e scivolamenti, conta dalla quale non mancano le aggressioni (55). «Questo conferma la bontà delle politiche aziendali che, investendo in sicurezza e in prevenzione, garantisce ai dipendenti la presenza di un ambiente sicuro e idoneo allo svolgimento della professione di operatori preposti alla tutela della salute» dicono dalla direzione generale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    «Apro il mio centro estetico a misura di cliente, c’è speranza per il commercio dorico»

  • Sport

    Lori bomber di giornata, parte la sfida goliardica a capitan Mastronunzio

  • Cronaca

    Aerei, oggi è sciopero di 4 ore: sit-in davanti all'aeroporto Raffaello Sanzio

  • Politica

    Restyling Passetto verso la fine, ma se piove ecco che cosa succede

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco, giovane trovato senza vita appoggiato ad un albero

  • Era scomparsa da oltre un giorno, trovata nella sua auto: è grave

  • Il mostro che combatteva lo ha sconfitto, Alessandro è morto

  • La spiaggia delle Due Sorelle è la più bella d'Italia: lo dice Skyscanner

  • Deiezioni canine, passa la proposta dei Verdi: obbligo di raccogliere anche quelle liquide

  • Trovata riversa in casa, Angela è morta per una grave emorragia

Torna su
AnconaToday è in caricamento