Meno infortuni in ospedale, bilancio positivo: -20%

Tra i lavoratori del nosocomio regionale si sono registrate meno denunce di infortunio all'Inail. Il commento della direzione: «Si investe in sicurezza e prevenzione»

È positivo il bilancio stilato dai vertici dell'azienda ospedaliera Ospedali Riuniti rispetto agli incidenti sul lavoro. Nel corso del 2018 se ne sono verificati 2019, in calo del 20% rispetto all'anno precedente. La maggior parte delle denunce di infortunio arriva dal rischio biologico legato al contatto con i paziente e alla possibilità di contrarre virus o batteri: 83 casi nel 2018 contro i 105 del 2017.

Seguono i rischi legati alla movimentazioni di pazienti e carichi (83) e le denunce per cadute e scivolamenti, conta dalla quale non mancano le aggressioni (55). «Questo conferma la bontà delle politiche aziendali che, investendo in sicurezza e in prevenzione, garantisce ai dipendenti la presenza di un ambiente sicuro e idoneo allo svolgimento della professione di operatori preposti alla tutela della salute» dicono dalla direzione generale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Canneto e discarica attirano i ratti al centro sportivo, titolare esasperato

  • Cronaca

    Cani antidroga nelle scuole, controllati 400 ragazzi e 20 classi

  • Politica

    Arriva in città il Daspo urbano, allontanati chi danneggiano o disturbano la collettività

  • Attualità

    Giorgio attore con la valigia: «Qui il teatro è morto, aiuterò i bambini in Polonia»

I più letti della settimana

  • Torna la paura, un forte terremoto scuote il Centro Italia

  • Controlli in tutta la città, denunciato un giovane trovato con 1 grammo di hashish

  • Luoghi e miti del Conero, le 10 leggende più affascinanti della riviera

  • Minorenni adescate e violentate per girare film hard

  • La madre entra in camera per svegliarla, Beatrice è morta nel sonno

  • Sunday Times: «Dimenticate la Toscana ed andate nelle Marche, la regione segreta d'Italia»

Torna su
AnconaToday è in caricamento