Coronavirus, la proposta di Rifondazione Comunista: «Mascherine e disinfettanti gratis»

La proposta di Rifondazione Comunista per fronteggiare l'emergenza coronavirus

Foto di repertorio

«L’emergenza coronavirus sta creando una grande confusione e mette in luce i limiti di tanti presidi istituzionali, basti per questo il siparietto tra il presidente della regione Ceriscioli e quello del Consiglio Conte, il primo che emana l’ordinanza di chiusura delle scuole, l’altro che a due gironi dall’emergenza non ha saputo ancora dare indicazioni chiare alle regioni e agli enti locali». Rifondazione Comunista Marche interviene sulla vicenda coronavirus, in particolare sulla questione delle mascherine introvabili nelle farmacie (GUARDA IL VIDEO)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ogni emergenza ha i suoi sciacalli e le sue vittime - prosegue la nota- purtroppo ecco gli avvoltoi in borsa ma peggio la scomparsa delle famose “mascherine” e dei disinfettanti o la crescita esponenziale dei loro prezzi. Avanziamo una proposta di buon senso che deve però essere immediata, la distribuzione gratuita attraverso i presidi sanitari e i medici di base delle mascherine e dei flaconi di disinfettante, da assegnare nominativamente. Ai comuni chiediamo invece di vigilare con attenzione sul rischio di aumento generalizzato dei prezzi dei generi alimentari. Polemiche e j’accuse possono attendere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • Orrore davanti al mercato: uomo trovato morto in strada dopo un tragico volo

  • Dati sempre più allarmanti, Marche tra le regioni con più morti e positivi al Coronavirus

  • Rompono le recinzioni per andare al mare, la passeggiata costa cara: 400 euro a testa

Torna su
AnconaToday è in caricamento