Jesi, incendio al Palascherma: contributo straordinario del Coni

Un finanziamento di 5 mila euro per l'acquisto di un nuovo computer e del nuovo arredo d'ufficio, per sostituire quelli andati distrutti nell'incendio doloso del 16 dicembre scorso

Una buona notizia per il Palascherma di Jesi, lo storico palazzetto danneggiato dalla fiamme qualche giorno fa. Il presidente nazionale del Coni, Giovanni Malagò, e la Giunta hanno stanziato un contributo straordinario per restituire la piena operatività alla struttura. Un finanziamento di 5 mila euro per l'acquisto di un nuovo computer e del nuovo arredo d'ufficio, per sostituire quelli andati distrutti nell'incendio doloso del 16 dicembre scorso.

Proprio l'archivio, che conservava anche materiale storico, e la segreteria sono stati gli ambienti più colpiti dall'atto vandalico dei giorni scorsi.
L'incendio appiccato al tempio della scherma internazionale è arrivato a pochi giorni dalla consegna del Collare d'Oro, il più alto riconoscimento sportivo assegnato dal Coni, al Club Scherma di Jesi. La cerimonia di premiazione si era svolta, alla presenza del presidente Malagò e del suo vice Giorgio Scarso, presidente della Federazione Scherma, proprio all'interno del Palascherma. Nell'occasione era stata anche inaugurata la nuova illuminazione. Un impianto d'avanguardia interamente realizzato a led e donato dalla ditta Fael Luce al Comune di Jesi.

L'incendio non ha danneggiato l'impianto di illuminazione, ma l'attività del Palascherma si è fermata per alcuni giorni per consentire le operazioni di messa in sicurezza della struttura sportiva. Palazzetto poi riaperto a tempo di record, dopo soli tre giorni dal divampare delle fiamme.

Come ha sottolineato nei giorni scorsi il presidente del Coni Marche, Fabio Sturani, "il Club Scherma di Jesi, ha saputo così dare prova, anche in questa circostanza avversa, di grande forza, grazie anche alla vicinanza dimostrata dal Coni regionale e nazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento