Spiaggia delle Due Sorelle, rilasciata in mare la tartaruga Frenklin

Alla spiaggia delle Due Sorelle si è tenuto il rilascio della prima tartaruga marina della stagione, Frenklin, sotto gli sguardi stupiti ed entusiasti di circa 300 persone

Lunedì 26 giugno verso le ore 16:30 alla spiaggia delle Due Sorelle della Riviera del Conero si è tenuto il rilascio della prima tartaruga marina della stagione, Frenklin, sotto gli sguardi stupiti ed entusiasti di circa 300 persone. Frenklin è stato in cura per 11 mesi al centro di recupero di Riccione gestito da Fondazione Cetacea Onlus dopo essere stato recuperato lo scorso luglio con una frattura alla calotta cranica. Dopo quasi un anno di cure e riabilitazione, che gli hanno permesso di riprendere le normali funzioni cognitive e motorie, da parte dello staff e dei volontari dell'associazione riccionese, Frenklin ha ripreso la strada di casa in collaborazione con i Traghettatori del Conero, che accompagneranno altre 8 volte nel corso dell'estate le tartarughe di Fondazione e chiunque voglia assistere al ritorno in mare di queste splendide creature nella suggestiva cornice delle Due Sorelle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rilascio è un'attività all'interno del progetto TartaLife, finanziato dalla Commissione Europea attraverso il fondo LIFE+ NATURA 2012 e coordinato dal CNR-ISMAR di Ancona, progetto volto a ridurre l'impatto negativo della pesca professionale sulla vita di questi rettili marini appartenenti ad una specie in pericolo. A conclusione del rilascio i volontari della Fondazione Cetacea con l'aiuto di alcuni piccoli ospiti della giornata hanno ripulito la spiaggia dai rifiuti, alcuni abbandonati da irrispettosi avventori della spiaggia ma molti arrivati dal mare. Circa mezzo metro cubo tra bottiglie, cassette di polistirolo e reti provenienti molto probabilmente da allevamenti di mitili. Questa azione si è svolta all'interno del progetto europeo Clean Sea Life, progetto della durata di 4 anni con l'ambizioso obiettivo si ridurre il problema dei rifiuti in mare grazie ad un'alleanza con tutti coloro che il mare, per professione o per passione, il mare lo vivono. Uniti si può fare la differenza per un mare più pulito!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia lo scooter e si lancia sotto il treno: tragedia sui binari

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Choc in spiaggia, prende a pugni una donna e scappa: nella fuga perde i documenti

  • Crisi respiratoria, portata all'ospedale in elicottero: ragazza in gravissime condizioni

  • Porta a spasso il cane e si accascia, inutile la rianimazione: muore in strada

  • Entra in casa di una coppia di anziani, prima ammazza lei e poi si scaglia contro il marito

Torna su
AnconaToday è in caricamento