Nascosti tra le barche e in ruderi abbandonati, retata dei carabinieri: arresti ed espulsioni

In manette un ricercato evaso dal carcere di Modena, rispediti a casa due clandestini che avevano trovato riparo in un rimessaggio al porto

I controlli dei carabinieri alla stazione di Falconara

Maxi battuta dei carabinieri della Tenenza di Falconara nel week-end del Black Friday: controlli a tappeto sono stati dispiegati tra Palombina, Falconara, Villanova e il porto di Ancona. Nell’ambito dell’attività, che ha portato all’identificazione di una trentina di stranieri, sono stati arrestati un 37enne marocchino che era evaso dal carcere di Modena e un 33enne tunisino su cui pendeva un perentorio ordine di espulsione. E’ stato espulso dal territorio italiano anche un clandestino di 46 anni, tunisino e pregiudicato. I maxi controlli sono stati eseguiti nel weekend, utilizzando contemporaneamente diverse pattuglie in borghese e in divisa. Nel mirino, locali e scantinati privati, ma anche edifici in stato di abbandono. 

In manette l'evaso

Nella giornata di sabato a Palombina è stato rintracciato il 37enne marocchino che era evaso dal carcere di Modena il 13 maggio scorso: stava scontando una condanna per rapina e spaccio di stupefacenti e, dopo appena un anno di detenzione, aveva approfittato di un permesso premio di 6 ore per scappare. Per lui le porte del carcere si sono riaperte, ma a Montacuto: dovrà scontare una pena residua di un anno e 7 mesi, sempre che nel frattempo non si aggiungano altre condanne dai procedimenti penali ancora in via di definizione, incluso quello per la recente evasione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Doppia espulsione

All’alba di domenica, invece, i militari sono arrivati al Mandracchio di Ancona dove, all’interno di un locale adibito al rimessaggio delle reti da pesca, sono stati sorpresi 4 cittadini nordafricani, tra cui due soggetti di 46 e 33 anni, pieni di precedenti per droga e non solo, entrambi irregolari e destinatari di un provvedimento di espulsione. Il 33enne tunisino è stato arrestato perché gli era stata comminata dal giudice la misura di sicurezza dell’espulsione dall’Italia, a cui lo stesso si era sottratto. Il 46enne connazionale, invece, sarà espulso perché clandestino e con la fedina penale compromessa. Dopo la direttissima di questa mattina per il 33enne, i due sono stati accompagnati dai carabinieri di Falconara al centro di rimpatrio di Potenza, dove nei prossimi giorni saranno radunati a bordo di un volo charter per l’espulsione definitiva dal territorio nazionale e il rientro in Tunisia. La veloce definizione delle pratiche è frutto senz’altro del costante impegno dei militari nella lotta alla clandestinità e della collaborazione sinergica con l’Ufficio Immigrazione della Questura di Ancona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

Torna su
AnconaToday è in caricamento