Perdita di capelli durante la chemio: arriva lo speciale caschetto anti-alopecia

Lo strumento, già in uso per le pazienti, è stato posizionato nello stabilimento di Muraglia dell’azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord

Arriva a Marche Nord il secondo caschetto ‘anti alopecia’ per la prevenzione della caduta dei capelli dopo i trattamenti chemioterapici. Lo strumento, già in uso per le pazienti, è stato posizionato nello stabilimento di Muraglia dell’azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord. Nel pomeriggio di oggi è avvenuta l’inaugurazione, alla presenza del presidente della Regione Luca Ceriscioli, del direttore generale Maria Capalbo e del direttore dell’Unità operativa complessa di Oncologia Rodolfo Mattioli. “La Regione Marche – spiega il presidente Luca Ceriscioli – in questi cinque anni ha cambiato passo negli investimenti tecnologici che, da troppi anni, erano fermi nella sanità marchigiana. Ha sbloccato e investito milioni di euro in macchinari di ultima generazione a vantaggio del paziente e delle cure. Marche Nord è un esempio di come si è riusciti a impegnare queste risorse trasformandole in servizi importanti, in questo caso per la lotta contro i tumori”.

Ceriscioli sottolinea poi che “occorre curare la persona in maniera integrale. La malattia non deve portarci via l’identità e una struttura all’avanguardia deve prendersi carico di tutte le esigenze della persona. Ho apprezzato tante belle esperienze, da questo punto di vista, nella nostra regione, a partire da alcune che si preoccupano di spiegare ai malati come chiedere i permessi di lavoro per accedere alle cure. È un’attività molto importante, di medicina complementare, che trova spazio nel nuovo Piano sanitario, dove si parla di medicina di genere perché è fondamentale preservare la persona, ognuna con le sue diverse esigenze, come l’investimento nel caschetto sta a testimoniare”. Prevenire la perdita di capelli durante la chemioterapia - aggiunge il direttore generale Maria Capalbo – “è da sempre l’obiettivo del medico oncologo, dell’infermiere e della paziente che deve sottoporsi a questo trattamento. L’alopecia chemio-indotta, sebbene sia reversibile, è uno degli effetti collaterali più impattanti a livello psicologico nei pazienti in trattamento, ma nella paziente donna ha un impatto, se possibile, ancora maggiore. Le implicazioni psicosociali e l’alterazione dell’immagine corporea può andare a influenzare l’accettazione del trattamento chemioterapico. Per questo siamo i primi in regione ad aver voluto fortemente questo macchinario. Un secondo dispositivo è stato voluto fortemente proprio per agevolare al massimo i pazienti ed evitare spostamenti tra i vari presidi. In questi anni sono tantissimi gli investimenti che Marche Nord è riuscita a fare proprio in ambito oncologico, grazie alla Regione Marche. Un salto di qualità che l’azienda ha potuto realizzare in questi anni grazie ai finanziamenti regionali. Il rinnovamento tecnologico è tutto a vantaggio del paziente e colloca Marche Nord tra le eccellenze in questa specializzazione. Continueremo con gli investimenti che, in questi anni, hanno contribuito, in modo rilevante, a migliorare la qualità delle cure, senza mai dimenticare l’aspetto dell’umanizzazione”. Lotta ai tumori “significa umanizzazione ma anche avanzamento tecnologico – rimarca il direttore di Oncologia Rodolfo Mattioli – Siamo uno dei pochi ospedali, in Italia, a essere dotati di due caschetti anti alopecia, un macchinario a cui i nostri pazienti possono accedere gratuitamente, diversamente da quanto accade in alcune strutture italiane”.

Fin dal 1970 sono stati utilizzati diversi sistemi di raffreddamento per prevenire la perdita dei capelli, ma con risultati scarsi e con un elevato disconforto per il paziente. Grazie al miglioramento della tecnologia, il sistema DigniLife è oggi utilizzato di routine in diversi centri di eccellenza in Italia ed Europa; risulta a oggi l’unico strumento per il raffreddamento del cuoio capelluto ad aver ricevuto, nel dicembre 2015, l’approvazione da parte della FDA. I risultati ottenuti nel periodo di utilizzo del sistema Dignicap, nell’UOC di Oncologia Medica dell’AORMN (Presidio S Croce) sono rilevanti. Dal 15 settembre 2016 al 30 aprile 2019 hanno terminato la terapia con l’ausilio del sistema DigniCap (caschetto) 158 donne. Il protocollo aziendale prevede la selezione di tutte le pazienti di età superiore a 18 anni a cui è stata documentata la diagnosi di tumore mammario (n.116) o tumore ginecologico (n. 20) che dovranno effettuare la chemioterapia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Cade fuliggine dal cielo, residenti preoccupati: arriva l'Arpam per i controlli

Torna su
AnconaToday è in caricamento