Ancona capitale della cybersecurity, le migliori menti in città per il progetto Itasec20

I migliori esperti di sicurezza digitale si ritroveranno all'Università Politecnica delle Marche

Foto di repertorio

Le migliori menti italiane e non solo della sicurezza informatica si danno appuntamento ad Ancona. Sarà infatti il capoluogo marchigiano ad ospitare, dal 4 al 7 febbraio, la conferenza nazionale Itasec 20 con una serie di appuntamenti che faranno perno alla facoltà di ingegneria. L’Università Politecnica delle Marche, in collaborazione con l’Università di Camerino, ospiterà i ricercatori e i professionisti provenienti dal mondo accademico, industriale e governativo per fare il punto sulle sfide emergenti e i bisogni della cybersecurity. Prevista la partecipazione di ministri e sottosegretari, i cui nomi sono ancora da confermare. L’evento è stato presentato stamattina insieme al progetto Cyberchallenge dal rettore della Politecnica, Gian Luca Gregori e i docenti di ingegneria dell’informazione Marco Baldi, Luca Spalazzi, Franco Chiaraluce ed Emanuele Frontoni. (GUARDA IL VIDEO)

Il programma prevede sessioni scientifiche e appuntamenti informativi dedicati all’Intelligenza artificiale, al perimetro nazionale per la sicurezza cibernetica nel Paese e al contrasto delle minacce estere. Ci saranno anche percorsi di diplomazia cibernetica, seminari sul ruolo della politica e la disparità di genere nel mondo informatico. Il tutto affiancato da workshop e tutorial. Tra i relatori spiaccano Paolo Prinetto, direttore del Laboratorio Nazionale di Cybersecurity del CINI, Roberto Baldoni, vicedirettore generale del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza) e Martin Abadi di Google. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ancora prima di iniziare, i numeri di Itasec20 sono significativi- spiega Paolo Prinetto- ci saranno più di 80 speaker, un centinaio di relazioni scientifiche, numerosi workshop, decine di start-up e 20 sponsor. E’ la conferenza di cybersecurity più importante più importante sul territorio italiano, un ecosistema di professionisti sempre più necessario al progresso tecnologico del Paese». Tra i settori più bersagliati dagli hacker c’è quello della sanità: «La sottrazione dei dati sensibili è un business per la valenza economica che hanno sul mercato nero- spiega Franco Chiaraluce- ricordiamo poi che un Paese sicuro anche dal punto di vista informatico attira più facilmente gli investimenti delle multinazionali». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'addio a Fiorella Scarponi, al funerale anche il marito. Le figlie: «Sei il sole che splende al mattino»

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Scattano i controlli sulle spiagge, entra senza prenotazione e viene multato

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

Torna su
AnconaToday è in caricamento