Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Terremoto, la furia di Sgarbi nella città fantasma: «Imbecilli al governo, dov'è lo Stato?»

E' una furia Vittorio Sgarbi, tornato nella Caldarola martoriata dal terremoto del 2016. Da allora non è cambiato nulla e il critico d'arte punta duramente il dito contro i governi che si sono succeduti, accusati di non aver fatto nulla per ridare vita a quello che tutt'ora (come altri) è un paese fantasma

 

E' una furia Vittorio Sgarbi, tornato nella Caldarola martoriata dal terremoto del 2016. Da allora è cambiato poco o nulla e il critico d'arte punta duramente il dito contro i governi che si sono succeduti, accusati di non aver fatto nulla per ridare vita a quello che tutt'ora è un paese fantasma. Caldarola è una delle cittadine più colpite dal terremoto all’interno dei cosiddetti "Cinque comuni” (Belforte del Chienti, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo e Serrapetrona) che, insieme ai propri castelli, occupano la porzione centrale dell'entroterra maceratese. Già ai tempi delle scosse devastanti cittadini e imprenditori espressero la preoccupazione sul futuro della città tra cui l'imprenditore Gino Battellini, che proprio ai microfoni della nostra redazione disse che: «Il problema non sarà la ricostruzione ma se ci sarà un paese da ricostruire». Il paese c'è ancora, ma è un paese fantasma secondo Vittorio Sgarbi che richiama al passato in cui Caldarola ospitò le sue mostre su Lorenzo Lotto e Il Greco attirando decine di migliaia di persone. Proprio da qui nasce lo sfogo del critico e saggista: «Perché tutto deve essere fermo e l'Italia deve essere così immobile? Quando crolla una città occorre ricostruirla in tempi brevi e non farla disabitare fino a trasformarla nel teatro dei fantasmi». All'epoca del terremoto il sindaco di allora, Luca Giuseppetti, aveva asupicato la rinascita di Caldarola nel giro di 10 anni, Sgarbi sollecita a muso duro: «Caldarola deve risorgere, il prossimo governo dovrà guardare l'Italia come luogo di rinascita partendo proprio dai luoghi terremotati».

Potrebbe Interessarti

Torna su
AnconaToday è in caricamento