Una targa per ricordare l'Heysel: «Mai più tragedie simili» | VIDEO

A Camerano, su richiesta dell'associazione "Camerano bianconera", è stato inaugurato un ceppo su cui è apposta una targa per ricordare quanti persero la vita allo stadio Heysel di Bruxelles nel 1985. Con 39 vittime, fu una delle più gravi tragedie del calcio. La cerimonia e la testimonianza di chi c'era

Il Comune di Camerano, su richiesta dell'associazione "Camerano bianconera" ha inaugurato oggi un ceppo su cui è apposta una targa per ricordare quanti persero la vita allo stadio Heysel di Bruxelles nel 1985. La pietra commemorativa si trova nell'area sportiva di via Scandalli, accanto a un campo di calcio a 5, una palestra e altri spazi frequentati da bambini. «Non è un caso» dicono in coro l'assessore comunale allo sport, Marco Principi e il segretario dell'associazione Massimo Battistoni, che puntano sulla memoria da trasmettere proprio ai più giovani. Presenti alla cerimonia anche il consigliere comunale Lorenzo Rabini, il vicepresidente dell'associazione Marco Isolani che pose la prima pietra e alcune persone che erano presenti sugli spalti di quella maledetta finale di Coppa Campioni. La ressa sugli spalti, provocata dagli hoolygans, costò la vita a 39 persone. Oltre 600 rimasero ferite. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Una targa per ricordare l'Heysel: «Mai più tragedie simili» | VIDEO

AnconaToday è in caricamento