Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rifiuti illeciti da mezza Italia alle Marche, i carabinieri arrivano nell’impianto | VIDEO

L’attività, visto il numero di società coinvolte, gli importi delle sanzioni e il numero degli illeciti rilevati, può essere considerata una delle più rilevanti a livello nazionale di sempre

 

Trasporti irregolari di rocce, terra e rifiuti di demolizione che da diverse regioni arrivavano in due impianti di recupero appartenenti a una società di Castelbellino. I carabinieri forestali di Ancona, Jesi, San Marcello, Senigallia e Genga hanno notificato sanzioni per oltre 14 milioni di euro a ben 188 aziende. Le ditte facevano base in 17 province di Marche, Abruzzo, Emilia Romagna, Lombardia, Puglia, Campania, Umbria e Lazio. Secondo quanto accertato dalle indagini, i camion trasportavano irregolarmente materiali non pericolosi in due impianti di recupero. Il conferimento avveniva con il formulario di trasporto (documento che identifica il carico)  incompleto, inesatto e in alcuni casi del tutto assente. Alcuni tir scaricavano i rifiuti in zone diverse da quelle dichiarate. Le sanzioni fanno seguito agli accertamenti dell’indagine “Fango e cash”, diretta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Ancona su 640mila tonnellate di rifiuti. Nell’ambito dell’indagine erano già state eseguite misure cautelari per 5 persone e 4 società.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AnconaToday è in caricamento