Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raid sulla Siria, il reporter anconetano Curzi: «Azione dimostrativa, ecco perché» - VIDEO 

 

Pierfrancesco Curzi, Giornalista e scrittore anconetano, ha firmato diversi reportage per "Il Fatto Quotidiano". Si è occupato, tra i vari temi, dell’inchiesta sulla scomparsa e morte del ricercatore italiano Giulio Regeni in Egitto, dei campi di concentramento polacchi alla Repubblica Democratica del Congo passando per il Ruanda e l'Armenia. Nell’estate del 2015 si è recato in Cecenia e poi a Beslan, Ossezia del Nord, in occasione della strage nella scuola di Beslan (quasi 400 vittime). L’esperienza da cronista lo ha portato anche in Siria proprio dove la scorsa notte le forze militari di Usa, Gran Bretagna e Francia hanno effettuato un raid contro obiettivi ritenuti collegati alla produzione di armi chimiche. A scatenare l’azione militare è stato l’attacco chimico sulla città di Douma che per gli statunitensi è stato portato a termine proprio dal governo siriano. Ci sarà una escalation militare che coinvolgerà anche la Russia? Abbiamo raccolto la sua opinione. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AnconaToday è in caricamento