Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'eremita anconetano: «La gente distrugge tutto, perciò ho fondato la mia tribù» | VIDEO

L'elettricità è un antico ricordo del consumismo, lo spirito è quello libero di chi cerca se stesso vivendo solo di ciò che produce. Fabrizio Cardinali racconta come si vive lontano dal mondo ordinario

 

A 22 anni ha deciso che quello che noi chiamiamo “mondo ordinario” non faceva per lui. Fabrizio Cardinali, 62enne falconarese, ha lasciato la sua famiglia e, dopo un lungo periodo di vita in comune dentro diverse realtà italiane, ha deciso di fondare a Cupramontana la tribù delle “Noci sonanti”. Vive con il figlio Siddhartha, 13 anni, a cui fa anche da maestro e nella fattoria di via Torre riceve chiunque voglia staccarsi dalla società consumistica e vivere per un periodo di soli frutti della natura. Fabrizio e Siddhartha sono i protagonisti del film “Noci sonanti”, regia di Damiano Giacomelli e Lorenzo Raponi, presentato ieri al Lazzabaretto Cinema. Questa è la loro storia e il loro stile di vita. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AnconaToday è in caricamento