Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova ordinanza spiegata dal presidente Ceriscioli | VIDEO

La nuova ordinanza che stringe ancora di più le misure anti-assembramento ha lasciato spazio a diverse interpretazioni. A spiegarla nel merito è il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli. Il filmato è stato realizzato in collaborazione con l'Ente Nazionale Sordi

 

Il presidente Luca Ceriscioli ha spiegato con un video le novità introdotte dall'ordinanza 10/2020 firmata ieri sera. Il filmato, diffuso su tutti i canali ufficiali, è stato realizzato in collaborazione con l'Ente Nazionale Sordi (Ens), Consiglio regionale Marche:  «La primavera quest’anno - ha detto il presidente - inizia con regole nuove. Ho firmato ieri una nuova ordinanza per combattere il Coronavirus: spiagge, parchi, parchi gioco, giardini pubblici sono vietati perché stanno diventando luoghi di assembramento e questo non lo possiamo permettere. Ci si può muovere per andare al lavoro, per motivi di salute o per comprare generi alimentari. Sono gli unici tre motivi per cui si esce di casa. La passeggiata di salute è consentita, ma vicino al luogo in cui si abita: il giro dell’isolato, un percorso vicino alla propria casa,  ma senza allontanarsi. I distributori restano aperti su autostrade e superstrade e nelle aree extraurbane ad uso esclusivo di autotrasportatori merci che per lavoro hanno bisogno di un punto di riferimento. Nei centri abitati comunque, tutti i bar dei distributori restano chiusi. Per i negozi di vicinato una stretta sugli orari: dalle 8 alle 20 per facilitare i controlli e fare in modo che vengano utilizzati correttamente, seguendo le regole per  evitare i contagi. L’ordinanza parte dalle 00 del 21 di marzo. Chiediamo a tutti di rispettarla, perché facendolo diamo il miglior aiuto alle strutture sanitarie che sono impegnatissime con chi ha la malattia e ha bisogno di essere curato e non possono avere altri malati. Noi possiamo dare una mano rispettando le regole, non ammalandoci e non estendendo il contagio».

Potrebbe Interessarti

Torna su
AnconaToday è in caricamento