Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, nuova ordinanza dopo lo stop del Tar: «I marchigiani positivi sono 6»

A parlare è il presidente della Regione Luca Ceriscioli che commenta lo stop del Tar sull'ordinanza e fa il punto sulla situazione dei contagi nelle Marche

 

ANCONA - Ormai è scontro aperto tra Governo e Ceriscioli. Dopo la decisione del Tar di sospendere l’ordinanza del presidente della Regione Marche, che imponeva chiusura di scuole, musei, teatri e cinema, oltre all’annullamento di qualunque manifestazione pubblica e sportiva, è stata emessa un’ordinanza-bis, «con le stesse misure e indicazioni dell’ordinanza precedente», ma non più fino al 4 marzo, bensì alla mezzanotte di sabato 29 febbraio. Intanto cresce il numero dei positivi: sono 6 i marchigiani che hanno contratto il Coronavirus. Ad annunciarlo, lo stesso Ceriscioli in un video. «Poiché il Tar ha motivato che al momento dell’emissione della prima ordinanza non erano stati segnalati casi di Coronavirus nelle Marche, ma ora sono diventati 6, ho ritenuto opportuno fare una nuova ordinanza, rafforzata dalla motivazione che ci sono nuovi casi accertati. L’ordinanza sarà valida fino alle ore 24 di sabato, con le stesse indicazioni e misure dell’ordinanza precedente, venendo incontro anche ad una scadenza che è quella che applicano le altre regioni, per poi vedere il da farsi con l’evoluzione della situazione».

Potrebbe Interessarti

Torna su
AnconaToday è in caricamento