Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lacrime, solitudine e fame d’aria: «Il Covid non c’è? Vi raccontiamo la nostra guerra» | VIDEO  

Rappresentanti di tutto il comparto sanitario di Ancona e provincia in presidio davanti all’ospedale di Torrette per chiedere tutele contrattuali e di sicurezza. Ma il personale ha anche voluto rispondere ai negazionisti

 

Infermieri, tecnici di laboratorio, di radiologia, oss, ausiliari, medici, fisioterapisti, ostetriche. C’erano rappresentanti di tutto il comparto sanitario di Ancona e provincia  stamattina davanti all’ospedale di Torrette per chiedere diritti e sicurezza per chi lotta in prima linea contro il Coronavirus. Il presidio è stato convocato dai sindacati Fp Cgil, Cisl Fp e UilFpl per richiamare l’attenzione sulla carenza di personale, sulle criticità del contratto di lavoro e sulle misure di sicurezza non ritenute idonee ad affrontare la fase di emergenza. E’ stato però anche il momento per cercare una risposta a quanti credono che quella del Coronavirus sia solo una storia ingigantita da media e istituzione. Esiste? Lo spiegano loro, costretti a vivere (quasi letteralmente) tra i reparti di emergenza e non. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AnconaToday è in caricamento