Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, orgoglio contro psicosi: «Ci guardano male, noi fieri di essere cinesi» | VIDEO

La psicosi coronavirus che si è diffusa anche ad Ancona vista dagli occhi di una ragazza cinese. Suzhen è titolare di un ristorante, ma le sue difficoltà non sono legate solo al crollo del fatturato

 

ANCONA - Il suo ristorante ha visto una forte riduzione della clientela per colpa della psicosi coronavirus, nonostante lei acquisti materie prime in zona. Suzhen Hsia, titolare del ristorante "Shanghai", è ottimista: «Tutto questo passerà», ma il terrore diffuso in città e non solo non le crea problemi solo sul fatturato. Suzhen racconta di «sguardi diversi» in giro per la città nei confronti dei cinesi e perfino di giovani che non tardano a manifestare la loro paura in sua presenza. I suoi figli sono nati ad Ancona e uno di loro, in un altra città, ha dovuto fare i conti con la discriminazione a bordo di un autobus: «La gente si allontanava quando lo vedeva». Prospettive? «L'attività del ristorante riusciamo a mandarla avanti e tutto questo passerà» dice la ragazza con ottimismo, ma ci tiene a mettere in chiaro: «siamo orgogliosi di essere cinesi». L'intervista video.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AnconaToday è in caricamento