Pallanuoto, playoff di A2: la Barbato Design Vela cede in gara1 a Salerno

Decisivi da parte salernitana i tiratori come Luongo e Gandini, 8 reti in due, gli anconetani segnano il primo gol del match poi faticano ad arginare i bomber della Campilongo per tutti i quattro tempi

Simone Pantaloni (Vela) autore del primo gol a Salerno

Gara1 di semifinale playoff va alla Campilongo Salerno, che davanti al pubblico amico supera la Barbato Design Vela Ancona per 14-6. Decisivi da parte salernitana i tiratori come Luongo e Gandini, 8 reti in due, gli anconetani segnano il primo gol del match poi faticano ad arginare i bomber della Campilongo per tutti i quattro tempi, trovando spesso sulla strada del gol le parate del portiere anconetano di parte salernitana Santini.

Nel primo tempo va subito a segno la Vela con Pantaloni, quindi tocca alla Campilongo Salerno realizzare due gol, con Gandini in superiorità numerica e quindi con Luongo, e sul 2-1 si conclude la prima frazione di gioco. Nel secondo tempo Gandini spinge sul 3-1 la Campilongo, la seconda rete la sigla in superiorità numerica, innescando così il break salernitano che in breve porta la squadra di Citro sul 6-1 con Parrilli e Pica (break 6-0), prima della seconda rete della Barbato Design Vela che porta la firma di Ciattaglia. Si arriva così al cambio di campo sul punteggio di 6-2 per la Campilongo. Un gran gol con alzo e tiro di Luongo (7-2) apre le marcature del terzo tempo, cui fa eco poco dopo Cupic in superiorità numerica. Il dominio salernitano prosegue con i gol di Luongo su rigore e di Gallozzi, al termine di una controfuga (10-2), la Vela fatica a costruire azioni da gol e a inquadrare la porta della Campilongo, e Luongo segna ancora, rendendo molto pesante per gli anconetani il parziale del terzo quarto (11-2, +9 massimo vantaggio). Il mancino Cesini "alleggerisce" il punteggio infilando Santini per l'11-3, quindi sempre per la Vela il croato Lisica realizza su tiro di rigore e sull'11-4 si arriva all'ultimo intervallo. Nel quarto tempo non si segna per quasi metà parziale, poi Spatuzzo trova il bersaglio con un tiro dal perimetro (12-4), imitato poco dopo ancora da Luongo, al suo quinto centro personale, che rende forse eccessivamente pesante il passivo per la Barbato Design (13-4) con 3' ancora da giocare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A un minuto dalla conclusione realizza per la Vela Cesini (13-5), quindi Spatuzzo in superiorità e infine a pochi secondi dalla conclusione del match arriva la rete di Pieroni che fissa il risultato di gara1 sul punteggio definitivo di 14-6. Si replica con gara2 mercoledì pomeriggio, ore 18.45, alla piscina del Passetto di Ancona. E per invertire il risultato di oggi ci vorrà tanta, tanta Vela e il sostegno di un pubblico da grandi occasioni. A fine gara Igor Pace, tecnico degli anconetani, commenta così il match: "Non ci meritavamo di subire quel break iniziale, con cui il Salerno s'è portato sul 6-1. Siamo stati penalizzati da alcune decisioni arbitrali, anche se il Salerno è davvero forte. Poi ci abbiamo messo tutto quello che avevamo, anche i nostri limiti, certo, come le percentuali in superiorità numerica, il fatto che Santini ci conoscesse ci ha fatto tirare male, in certe occasioni, però abbiamo fatto comunque una buona prestazione, giocando tutti tredici. Vedremo di rifarci mercoledì".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento