menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianmarco "Gimbo" Tamberi

Gianmarco "Gimbo" Tamberi

Tamberi si prende il suo quinto titolo nazionale, primo posto dopo il sondaggio social

Gimbo si conferma ritrovato nella rassegna tricolore di Pescara. Dopo il sondaggio social dei giorni scorsi ecco una bella iniezione di fiducia per l'atleta anconetano

Pescara mette un gigantesco "like" sul 2,30 di Gianmarco Tamberi ai Campionati Italiani Assoluti. Il recordman nazionale di salto in alto, dopo il partecipatissimo sondaggio lanciato per gioco su Instagram nei giorni scorsi, non delude il pubblico dello Stadio Adriatico e si prende il quinto titolo nazionale della sua carriera. Per Gimbo questa è la quarta volta in due settimane sopra i 2,30. Tre gare tutte nella scia di un atleta finalmente ritrovato dopo il terribile infortunio del 2016 a Montecarlo: 2,30 e poi 2,33 ad Eberstadt, 2,31 a Bruxelles e oggi ancora 2,30.

Il racconto della gara

Mister Half Shave apre la competizione a 2,16, superato senza esitazioni come il successivo 2,21. La vittoria è già sua, ma l'ex campione mondiale indoor e d'Europa non è il tipo che si accontenta tanto facilmente. E così prosegue con 2,26 saltato alla seconda come 2,30, un salto che lascia davvero una bella luce tra sé e l'asticella. Il 26enne marchigiano delle Fiamme Gialle vuole provare ad osare ancora e stavolta l'obiettivo è ancora più ambizioso: 2,35. Tamberi ci prova, ma i tre tentativi sembrano solo abbozzati. Gimbo saluta la tribuna e fa l'inchino tra gli applausi.

"Adesso posso andare in vacanza"

«Il sondaggio è stata una trovata divertente- le parole di Gianmarco a fine gara -, ma oggi mi sono divertito di più. Ne è valsa davvero la pena esserci. Ho avuto la sensazione che il 2,30 sia stato il mio miglior salto di questa stagione. Il calore del pubblico qui allo stadio e di tutte le persone che mi sono state sempre accanto in questi anni difficili. La felicità di questo salto mi piace condividerla con tutti loro! Tutto questo mi mancava tantissimo e ora sono di contento di averlo ritrovato. Ora, però, vado in vacanza per davvero».

Medaglie per le Marche

Non solo Tamberi per le Marche, con tanti altri risultati di vertice. La mezzofondista Eleonora Vandi si conferma due volte sul podio ed è seconda nei 1500 metri in 4’18”07, dopo essersi piazzata terza sugli 800 con 2’03”50. In entrambe le gare per la 22enne pesarese dell’Atletica Avis Macerata c’è il miglioramento sui record regionali assoluti che già deteneva, rispettivamente con 4’18”47 e 2’04”02. Tra gli atleti tesserati per società militari, vittoria nel disco di Giovanni Faloci: il finanziere umbro proveniente dall’Atletica Avis Macerata spedisce l’attrezzo a 61.53. Nei 1500 metri chiude secondo Ahmed Abdelwahed (Fiamme Gialle/Cus Camerino) con 3’47”45, mentre in terza posizione il sangiorgese Lorenzo Del Gatto (Carabinieri) nel peso con il primato personale all’aperto di 18.17, il discobolo ascolano Nazzareno Di Marco (Fiamme Oro) con 58.72 e nelle prove multiple la sambenedettese Enrica Cipolloni (Fiamme Oro), che dopo quattro anni completa un eptathlon a 5097 punti dopo aver vinto quest’anno il tricolore del pentathlon indoor. Brillano i giovani, con i quarti posti del non ancora 18enne sangiorgese Giorgio Olivieri (Team Atl. Marche) nel martello, che arriva al personal best di 65.67 con l’attrezzo senior, e della 19enne Maia Macias (Sport Dlf Ancona), salita a 1.75 nell’alto per crescere di tre centimetri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento