Il riscatto di Serena Rossini, per l'anconetana oro ai Campionati Europei

La fiorettista anconetana delle Fiamme Gialle ha conquistato, a Foggia, il titolo europeo della categoria under 20

Il riscatto di Serena Rossini. La fiorettista anconetana delle Fiamme Gialle ha conquistato, a Foggia, il titolo europeo della categoria under 20 al termine di una bellissima e coraggiosa prestazione. Serena, che da quest’anno ha cambiato vita come ha lei stesso ammesso nelle interviste dopo la premiazione, visto che si allenata a Frascati e frequenta l’Università a Roma, ha veramente disputato un grande torneo, emozionando ed emozionandosi, come testimonia il suo pianto liberatorio dopo avere battuto in semifinale l’altra italiana Martina Favaretto per 12 stoccate a 11.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma, soprattutto, ha ricordato a tutti gli appassionati di scherma le sue grandi qualità, tecniche, fisiche e e morali. In finale ha superato la russa Anna Udovichenko, mai doma nonostante la classe superiore dell’anconetana, che nel finale ha dovuto rintuzzare con la grinta il tentativo di rimonta avversario. 15 a 11 il punteggio finale, ottenuto con crampi ad una gamba da parte di Serena che è stata comunque capace di piazzare lo sprint vincente. In semifinale, contro la Favaretto, il match è stato ancora più emozionante. Le due rivali sono sempre state punto a punto, fino al 10 pari, quando Serena ha accusato un colpo ad una mano. Dopo il time out, mancavano 38” alla fine, è comunque riuscita a piazzare la zampata decisiva piazzando l’ultima stoccata. In precedenza aveva superato in carrozza le qualificazioni vincendo tutti i 6 incontri poi, una dopo l’altra, superava l’ucraina Alina Poloziuk per 15-11, la tedesca Ueltgesforth per 15-4, l’ungherese Nora Hajas per 13 a 8. Grande la sua esultanza subito dopo la vittoria, che segna il suo definitivo riscatto dopo un 2018 non all’altezza delle aspettative. E domani, domenica, guiderà l’Italia alla conquista di una altro oro: quello a squadre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Focolaio dopo una festa, Pietralacroce col fiato sospeso: anche il parroco in quarantena

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Bambini positivi, classi intere in quarantena: il virus corre nelle scuole dei piccoli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento