Sport

Nuoto, unione tra la Schiavoni Vela Ancona ed il Chiaravalle

Non si tratta di una fusione, anche perché il Chiaravalle Nuoto resta in piedi e attivo con la scuola nuoto e il settore giovanile, quanto piuttosto di un progetto comune per gli atleti di punta

ANCONA - Con la nuova stagione agonistica le due prime squadre di nuotatori della Schiavoni Vela Nuoto Ancona e del Chiaravalle Nuoto concentrano gli sforzi sotto un'unica bandiera. Non si tratta di una fusione, anche perché il Chiaravalle Nuoto resta in piedi e attivo con la scuola nuoto e il settore giovanile, quanto piuttosto di un progetto comune per gli atleti di punta.

Il vessillo è quella della Schiavoni Vela Ancona: tra le due società quella che vanta più storia – è la più antica società sportiva dorica, nata nel 1902 – e che ha anche il maggior numero di atleti – in tutto circa 300 tesserati. Tra questi sono cinquanta gli agonisti “assoluti” del settore nuoto, guidati dai coach Sandro Paolinelli e Alessia Paoloni, cui si aggiungono i ventisei chiaravallesi allenati dal coach Davide Toppi. Un incremento del 50% di atleti di spicco che, nelle intenzioni della società, dovrà farla decollare nelle classifiche regionali e nazionali. Agli ultimi Regionali estivi la Schiavoni Vela s'è classificata al terzo posto, quinto il Chiaravalle. Con le squadre unite l'obiettivo è il primo o il secondo posto. Nonostante i ritiri dall'attività di alcune atlete, tra cui la storica capitana anconetana, Valentina Lucconi.
“Peccato per alcune defezioni – commenta coach Sandro Paolinelli -, però a livello maschile quest'anno siamo cresciuti molto. E' arrivato il mistista Andrea Manini, classe 1999, dalla Rari Nantes Marche, insieme alla sorella Chiara, poi altri quattro atleti provenienti da Eschilo, categoria ragazzi. Con questa unione con Chiaravalle abbiamo un settore maschile fortissimo. Purtroppo tre abbandoni al femminile ci hanno lasciato un po' di amaro in bocca. L'unione dovrebbe creare una squadra decisamente più forte, cominceremo a verificarlo alla Coppa Brema che si svolgerà a dicembre. Con Davide Toppi ci vediamo e sentiamo periodicamente, abbiamo deciso insieme il calendario stagionale, un rapporto continuo e proficuo per verificare i lavori ed eventuali modifiche da apporre. Ma la metodologia di allenamento resta volutamente quella che ciascuno ha sempre seguito”.

“Io e Sandro Paolinelli ci conosciamo da una vita – aggiunge Davide Toppi, ex nuotatore della Vela Ancona -, mi ha allenato per ben 16 anni, e nonostante abbia lavorato tanti anni in un'altra squadra ci siamo sempre sentiti e confrontati. La realtà di Chiaravalle negli ultimi anni è cresciuta molto. C'è un grande potenziale di atleti da entrambe le parti, abbiamo sempre voluto creare un polo natatorio forte ad Ancona, aveva poco senso restare separati. Più forti significa anche in grado di attrarre altri nuotatori, Chiaravalle ha un bacino di atleti che va da Jesi a Montemarciano, è in una posizione strategica. Abbiamo unito le forze, speriamo venga fuori una buona stagione: puntiamo alla serie B con un settore maschile molto competitivo”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuoto, unione tra la Schiavoni Vela Ancona ed il Chiaravalle

AnconaToday è in caricamento