Rugby Jesi alla pausa d’agosto, Possedoni: «Ritrovato il nostro essere comunità»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

JESI - Pausa d’agosto, poi la ripresa: terminata l’attività estiva per tutte le categorie il 31 luglio, in casa Rugby Jesi ’70 si ritroveranno per ricominciare la Senior di B il 17 agosto, il 24 le Under 16 e 18, il 31 la Senior Cadetta di C2, Senior e Under 16 femminili, minirugby e under 14.

Non è stato banale o scontato poter tornare a respirare rugby nelle scorse settimane. «Per certi versi anche inaspettatamente, la ripresa estiva è andata benissimo- dice il responsabile sviluppo club, Francesco Possedoni- abbiamo rivisto tutti i tesserati, ricominciato l’attività e, soprattutto, dopo i mesi del lockdown siamo tornati a radunare tutta la nostra “comunità”. Perché poi il rugby è fatto di questo, è il “club”. E tornare insieme è stato importante».
Spiega Possedoni: «Queste settimane, che ci hanno dato modo di ritrovare il capitale umano che abbiamo, ci permettono di programmare il futuro. E di partire forte con il nuovo progetto triennale che prevede, per la Senior, l’obiettivo di arrivare a lottare per la serie A». Ma non ci si è re-incontrati solo intorno alla palla ovale. «Abbiamo ospitato al campo cinema, teatro, musica, ridato vita ad una club house che sta lavorando alla grande e è un altro motivo di orgoglio. Sono tante le attività che, in parallelo a quella prettamente sportiva, rivestono grande importanza per noi e richiedono lavoro e impegno. Per questo il bilancio di questa estate è sicuramente positivo».

Sul campo, dice il responsabile sviluppo club: «Da una ventina di giorni si è potuto riprendere col rugby. Prima il lavoro era stato concentrato più che altro sulla riattivazione atletica, ora mano a mano si è potuto ricominciare anche il contatto, col terreno di gioco e con l’avversario. È molto importante, specie per i più piccoli. Non tutti, da quello che ho potuto sentire in giro, sono già a questo punto. A fine agosto avranno ripreso tutte le categorie, vediamo che notizie arriveranno per l’avvio dei campionati. Noi siamo pronti per iniziare a giocare ma non nascondo che un poco di ansia, per il caso che non dovesse essere possibile, c’è. A quel punto dovremmo essere bravi a riuscire a mantenere alti stimoli e attenzione».
Ipotesi di ripresa ce ne sono. «Ci sono state fornite le date o del 18 ottobre o del 29 novembre. Vedremo. C’è da dire che la nostra struttura tecnica, a parte gli allenatori di Seniores e under 18, non è cambiata ed è collaudata. Abbiamo una bella realtà anche femminile under 16, che lo scorso anno era pronta per il via al campionato proprio quando ci si è dovuti fermare. Ma hanno ricominciato anche loro e coltiviamo l’obiettivo di arrivare a mettere assieme pure una Under 14. Per il movimento italiano, lo sviluppo del rugby femminile è molto importante».

Le prospettive per il campionato di B? «Dovremmo essere nel girone con Emilia Romagna, Toscana e poi, a seconda della situazione delle squadre, Lazio o Veneto. Ci sono un paio di alternative: le difficoltà di alcuni club del Top 12 potrebbero portare alcuni giocatori a scendere in B alzando il livello del campionato oppure potrebbe essere la B a perdere pezzi e calare un po’. Noi saremo pronti in ogni caso. Anzi, per una realtà come la nostra che vuole arrivare a giocarsi la A nel triennio facendo conto sui giovani cresciuti in casa e sul territorio, un torneo di livello alto potrebbe essere più formativo. Sappiamo di avere qui, col percorso avviato da qualche anno grazie all’impostazione del presidente Luca Faccenda, struttura e tecnici adeguati per stare in alto». 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento