Basket, la Robur Osimo manca il sorpasso: sconfitti dall'Urbania

I roburini falliscono alcune occasioni per riaprire la gara e arrivano alla terza sconfitta consecutiva casalinga

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Robur, il PalaBellini diventa un tabù. Davanti al proprio pubblico i ragazzi di coach Luconi vanno sotto, soffrono, rimettono in piedi una gara complicata e proprio sul più bello falliscono il sorpasso. Alla fine a far festa è Urbania che passa per 66-72 ed espugna il palas osimano, dove i roburini ormai non vincono dalla prima giornata di ritorno, il 22 Novembre, e hanno inanellato un filotto negativo di tre sconfitte consecutive. Grande merito alla Robur di aver saputo soffrire e stringere i denti nei momenti complicati, riuscendo anche a non perdere la testa nelle difficoltà. Purtroppo l'aver fallito le occasioni per riagganciare gli ospiti sono state pagate a caro prezzo ed alla fine si è rimasti a mani vuote. Ora è tempo di mettersi alle spalle questa sconfitta e cercare di chiudere con una vittoria la regular season. Primo quarto in cui la Robur parte con il freno a mano tirato. Urbania ne approfitta subito, grazie ad una manovra veloce e avvolgente, che manda in tilt la difesa locale. Pentucci e Longoni sono ispirati, così la prima frazione si chiude sotto sul 18-28. Sembra una partita a favore dei biancorossi ma così non è. I roburini iniziano a macinare gioco e dimezzano lo strappo andando al riposo lungo sul 43-48. Nel terzo periodo a dominare è l'equilibrio, con le due compagini che chiudono le maglie difensive e si termina sul 55-61. Nell'ultimo quarto la Robur riesce in un paio d'occasioni ad arrivare a stretto contatto con gli ospiti ma fallisce sempre l'aggancio decisivo. Prima la tripla di Lupetti manda il punteggio sul 60-61 a 8'12'' da giocare ma Pentucci risponde (60-66), poi è la volta di Cardellini che riapre i giochi sul 64-66 a metà frazione ma Longoni con una tripla riporta Urbania a distanza di sicurezza (64-69), mentre nell'ultimo minuto sul 66-69 tocca a Facenda chiudere i giochi con il canestro da tre del 66-72. «Purtroppo usciamo con una sconfitta - rimarca un amareggiato coach Luconi - Siamo stati incostanti durante il match. Abbiamo pagato a caro prezzo l'inizio a rilento che ci ha condizionato per tutta la sfida. Poi siamo stati bravi a rimettere in piedi la gara ma ci siamo fatti prendere dalla frenesia nei momenti topici ed invece di fare la giocata giusta al momento giusto abbiamo commesso degli errori imperdonabili. Dobbiamo sicuramente evitare queste partenze ad handicap in cui concediamo veramente troppo ai nostri avversari. Inoltre dobbiamo essere maggiormente concentrati ed evitare di perdere troppe palle preziose come invece è accaduto in alcuni frangenti della partita. Comunque siamo in un momento in cui ci gira tutto a sfavore. Oltre ad avere alcuni giocatori non al top della condizione causa infortuni, come Cardinali e David che comunque hanno dato tutto e li ringrazio, ci siamo ritrovati anche senza Principi dopo pochi minuti. Una perdita importante perchè abbiamo perso un lungo e ci siamo ritrovati con le rotazioni contante in quel ruolo. Ora guardiamo avanti - conclude Luconi - e cerchiamo di portare a casa due punti contro la Loreto Pesaro»

ROBUR BASKET OSIMO - LARA Group URBANIA   66-72 (18-28, 25-20, 12-13, 11-11)

OSIMO: Breccia, Lupetti 15, Armento, Cardellini 6, Silinski 2, Cardinali 9, David 3, Rac 4, Tredici 16, Redolf 9, Pierucci, Principi 2. All. Luconi

URBANIA: Azzolini n.e., Marini 6, Pentucci 13, Longoni 20, Tancini 8, Matteucci 8, Carciani n.e., Tiberi n.e., Diana 2, Dziho, Facenda 15. All. D'Amato

Arbitri: Falcone Lorenzo e Vescovi Manuel Di Ancona

G.S. Robur Basket

Torna su
AnconaToday è in caricamento