rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Sport Palombare

Dolphins, la primavera capitola in casa contro Firenze

Sconfitta pesante della under 18 che perde 21-47 contro i Guelfi. Tante, troppe le assenze per potersela giocare alla pari fino alla fine

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Amara sconfitta per la under 18 dei GLS Dolphins Ancona che sabato scorso ha capitolato tra le mura amiche del Mandela agli attacchi dei Guelfi Firenze. 21-47 il punteggio finale che rende onore alla forza dei gigliati ma che allo stesso tempo penalizza eccessivamente i Dolphins visto quanto fatto per trequarti di gara. Primo tempo di parità assoluta con le difese in ottima forma ed abili ad annullare drive su drive la gran parte delle giocate rivali. I Guelfi passano tuttavia per due volte in vantaggio, ma la prima sono raggiunti e la seconda sorpassati dai giovani delfini con Lorenzo Cilla che manda in touchdown Andrea Gatti e Jacopo Bindini. In entrambi i casi l’extrapoint è stato trasformato da Francesco Erba. Nel secondo tempo la musica purtroppo per i dorici cambia. Già privi di Tomas Bonci, Filippo Anzaldi, Francesco Grati, Mattia Tormenti e diversi altri, e con il quarteback Cilla non in perfette condizioni di salute, i Dolphins perdono mano a mano che il tempo passa Samuele Brunetti, Matteo Polenta, Bindini ed Erba, mentre Nicholas Farinelli resta in campo malconcio. I Guelfi si portano così in vantaggio ma i ragazzi di coach Andrea Polenta lottano e tengono il passo dei toscani fino al touchdown su corsa di Cilla e all’extra kick sempre di Erba del 21-28. Al successivo kickoff però i Dolphins subiscono touchdown su ritorno dell’inarrestabile Matteo Bellesi. E’ l’azione che taglia le gambe ai verdearancio. Pochi, stanchi e scorati i delfini restano con onore in campo potendo poco contro la perfetta macchina guelfa, fino al 21-47 finale. Da segnalare anche lo spiacevole episodio dell’espulsione per targeting inesistente fischiato a Francesco Gianfelici nel bel mezzo di un fumble. Episodio su cui i Dolphins hanno presentato ricorso ufficiale per evitare la squalifica al ragazzo e preservarne la reputazione sportiva. Non certo per contestare la meritata vittoria di Firenze che era e resta fuori da ogni errore. Ed ora come sempre spazio a coach Polenta. Coach una partita finita male al di la della sconfitta «Anzitutto devo fare i complimenti ai Guelfi Firenze per la partita da loro giocata, tecnicamente e agonisticamente. Molto più allenati di noi. Per quanto riguarda i Dolphins devo ringraziare tutti i ragazzi che hanno resistito in campo dando tutto e di più, mano a mano che il roster diventava sempre meno profondo. Ho visto impegno. Volontà. Spirito di abnegazione. Resta il grande rammarico per il punteggio altisonante. I ragazzi non se lo meritavano. Ma il football è anche questo. Le tante assenze e i troppi infortuni patiti in corso d’opera ci hanno impedito di lottare fino alla fine contro una grande squadra». Il punto di volta secondo lei quale è stato? «Il touchdown di Bellesi su kickoff return. Avevamo appena accorciato le distanze. La corsa del running back guelfo ha tolto morale a chi già era bello a corto di fiato». Adesso? «Adesso ci leccheremo le ferite. La sosta capita a fagiuolo. Ne approfitteremo per migliorarci negli allenamenti e recuperare tutti gli infortunati possibili». Il 6 novembre sempre al Mandela i GLS Dolphins Ancona ospiteranno i Grizzlies Roma che domenica nel derby capitolino hanno sconfitto la Legio XIII per 34-26. E per l’ultima partita di regular season in casa i GLS Dolphins Ancona hanno organizzato una sorpresa che farà felici tutti i propri tifosi e che verrà svelata a breve. (FOTO GERMANO CAPPONI) Antonio Bomba Responsabile Comunicazione GLS Dolphins Ancona

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dolphins, la primavera capitola in casa contro Firenze

AnconaToday è in caricamento