Ping-pong, sport e salute: «Consigliato ai bambini, sviluppa concentrazione e tattica»

Il ping-pong fa bene ad ogni età perché coniuga fattori diversi in una combinazione speciale che lo rende, per certi versi, unico

Nel 2015 il dott. Antonio Spataro, Direttore Sanitario dell’Istituto di Scienza dello Sport del CONI, affermò che il ping-pong è considerato uno sport praticabile a qualsiasi età, consigliato ai bambini perché sviluppa la capacità tattica e di concentrazione, ma anche agli anziani come buon esercizio aerobico e anti-neurodegenerativo”. Il ping-pong fa bene ad ogni età perché coniuga fattori diversi in una combinazione speciale che lo rende, per certi versi, unico.

Per prima cosa comporta uno sforzo cardio-vascolare che permette l’alternanza dell’esercizio aerobico e anaerobico, migliorando di conseguenza le capacità condizionali (forza, velocità e resistenza) e coordinative, soprattutto degli arti inferiori. Aumenta il metabolismo di base ed allena la concentrazione e la reattività. Ha un grande valore educativo e formativo per i giovani (come tutti gli sport), fa bene al cervello perché la pratica continuativa migliora la vigilanza, l’equilibrio e la coordinazione, libera sostanze capaci di favorire il benessere e di combattere efficacemente lo stress. Infine, il ping-pong fa bene alla vista costringendo l’occhio a continui cambiamenti focali contribuendo a rallentare il processo di senescenza del cristallini, ed ha pochissime controindicazioni fisiche (è sconsigliato solo in caso di gravi problemi articolari o se si soffre di scoliosi o cifosi) non sviluppando asimmetrie ma potenziando polso, gambe, braccio, spalla e schiena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vantaggi elencati nello studio CONI trovano attuazione pratica al Centro Olimpico di via del Molinello in cui coesistono agonisti e master di valore con semplici appassionati, dove il più piccolo ha appena sette anni ed il più grande circa ottanta. Ma l’obiettivo è più ampio creando le condizioni di un “ambiente” di benessere complessivo, fisico e psicologico, inclusivo e capace di dare una risposta a chi piace il ping-pong. Anche se si tratta di una disciplina molto diffusa, per un appassionato non è poi così facile praticare il ping-pong durante l’anno. Ma il Centro Olimpico è attrezzato per soddisfare qualsiasi richiesta puntando sulla socializzazione, sull’integrazione, sulla positività dei principi che accompagnano lo sport non esasperato. Tante sono le iniziative organizzate durante l’anno. L’ultima, in ordine di tempo, il “ rogetto Adulti” con due appuntamenti settimanali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento