menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lardini Filottrano 2017/2018

Lardini Filottrano 2017/2018

Pallavolo, la memoria di Scarponi rivive sulla maglia rosanero: ecco la Lardini per la A1

Michele Scarponi, l’Aquila di Filottrano, rivivrà sulla divisa della Lardini con un’aquila stilizzata di colore arancione posta sulla parte anteriore all'altezza della spalla destra

Pazienza ed entusiasmo. Virtù ed emozioni riconosciute da coach Beltrami e che ben si addicono alla sua squadra, tanto giovane quanto desiderosa di dare fastidio alle migliori della pallavolo femminile, cimentandosi nel girone delle grandi d’Italia: la serie A1. Quella in cui a breve (sarà subito derby con Pesaro) debutterà la Lardini Filottrano che ieri sera al palazzetto dello sport di Osimo ha presentato le giocatrici insignite di una responsabilità in più rispetto al passato: onorare la maglia fino all’ultimo set di ogni gara nel nome di Michele Scarponi, campione di ciclismo morto lo scorso aprile in un incidente stradale. Proprio lui, l’Aquila di Filottrano, rivivrà sulla divisa della Lardini con un’aquila stilizzata di colore arancione posta sulla parte anteriore della maglia all'altezza della spalla destra. Non un semplice logo. Un simbolo certo ma anche di più. E’ l’immagine di quei valori sportivi che Scarponi ha rappresentato in vita e che la comunità filottranese non vuole perdere. «A livelli alti ci si dimentica spesso da dove si viene e cambiano gli atteggiamenti - ha spiegato il presidente onorario della Lardini Giovanni Morresi - Che fare di fronte chi, invece, è sempre rimasto umile, attaccato ai rapporti umani, capace di rinunciare ad una vittoria personale per quella della squadra?». Perché Michele era questo e allora «abbiamo trovato un modo per perpetrare questo nostro punto di riferimento dando continuità attraverso ai valori che esso incarnava». Parole accompagnate dall’applauso di centinaia di tifosi presenti sulle gradinate del palazzetto, che hanno scoperto l’aquila di Scarponi in un video proiettato su maxi schermo posto al centro del Palabadiali. Un filmato in cui sono scorse le immagini della maglia rosanero, seconda pelle delle anconetane neopromosse in A1. Ancora applausi quando è apparsa l’aquila e ancor più calore quando dal palco è intervenuta la sorella di Michele Silvia Scarponi a cui «fa piacere ricordare Michele e questo é un modo bello ed intimo per ricordare mio fratello alla comunità di Filottrano». 

La squadra

Momenti emozionanti dopo i quali il giornalista di SkySport Enrico Giancarli, presentatore della serata, ha chiamato a sé i protagonisti dell’esperienza sportiva che verrà, presentandoli di fronte agli sponsor, come il presidente di Estraprometeo Marco Gnocchini, al presidente del CONI Marche Fabio Luna e al delegato regionale Fabio Sturani seduti in prima fila. Il primo a ricevere gli onori è stato l’allenatore Alessandro Beltrami insieme a Marco Amiens (2°coach) e Davide Persico (3° coach). Poi sono arrivati il preparatore fisico Marco Sesia, i fisioterapisti Ilaria Barontini e Claudio Riccobono. Gran finale con le protagoniste, le giocatrici della Lardini Filottrano con diverse novità, a partire dalla giovanissima Nicole Gamba, all’acquisto di Berenika Tomsia. Fino alla garanzia: Chiara Negrini che, di fronte all’incertezza di un futuro tutto da scoprire, infonde quel senso di sicurezza determinante nei momentipiù difficili. E poi Giulia Melli, Francesca Bosio, Federica Feliziani, Annie Mitchem, Beatrice Agrifoglio, Berenika Tomsia, Alessia Mazzaro, Asia Cogliandro, Sara Hutinski, Lana Scuka.

Gli obiettivi

Fare pronostici oggi sul percorso in grado di fare dalla Lardini Filottrano nella massima serie non è facile e se il presidente Gobbi non si sbilancia ponendo come obiettivo il terzultimo posto perché «non conosciamo le squadre della A1», il sindaco di Giulioni guarda all’attacco come la miglior difesa: «Dobbiamo puntare al massimo per portare a casa il risultato». E sarà subito derby nella prima di campionato (15 ottobre) quando la Lardini Filottrano fronteggerà la MyCicero Pesaro, superate nella finale di Coppa Italia e andate di traverso alle anconetane nello spareggio in serie A2. Insomma le avversarie di sempre. Ma il capitano Negrini mette in guarda chi è tentato di guardare indietro: «Non si possono fare paragoni col passato perché ogni stagione è a sé e questa è la prima esperienza anche per la società nella massima categoria. Cominciamo piano piano e vediamo che succede». Per la Lardini Filottrano comunque vada la A1 sarà tutta un’altra storia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento