menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pallavolo, la Lardini Filottrano domenica ospita Olbia al PalaBaldinelli

«E’ una partita importante perché siamo a poche giornate dalla fine – evidenzia  l’allenatore della Lardini, Massimo Bellano – e perché sappiamo che servono delle vittorie»

Concentrata sul momento, la Lardini affronta domenica al PalaBaldinelli (ore 17:00, arbitri: Nicola Traversa e Massimo Piubelli) la Entu Olbia, quart’ultimo atto della Samsung Gear Volley Cup di serie A2.  «E’ una partita importante perché siamo a poche giornate dalla fine – evidenzia  l’allenatore della Lardini, Massimo Bellano – e perché sappiamo che servono delle vittorie per raggiungere l’obiettivo. Ma dall’inizio della stagione non siamo mai scesi in campo per perdere”. Che sia una gara che conta lo attesta anche il valore di un’Olbia “che è una buona squadra, con tante giovani interessanti e che gioca bene. Nel girone di ritorno ha trovato una nuova quadratura con un assetto più equilibrato, anche in ricezione,sfruttando le qualità delle sue attaccanti».

Come quelle dell’ex Villani, le ultime due stagioni in maglia rosanero. Le quattro vittorie ottenute nelle ultime sei giornate hanno definitivamente allontanato la Entu dalla zona playout (margine di dieci punti su Caserta), tenendo ancora viva la speranza di agganciare la settima piazza, oggi distante quattro punti, sebbene la numerosa concorrenza. Di certo, la squadra di Galli si presenta al PalaBaldinelli libera da particolari assilli. «Si ripresenta la stessa situazione vissuta qualche settimana fa a Settimo Torinese, affrontando una squadra che può giocare con tranquillità. Ma sono certo che Olbia farà il suo fino in fondo: siamo a fine stagione per tutti ed è difficile attendersi un approccio diverso da quello delle altre squadre. Per noi sarà importante mettere ordine nel lavoro muro-difesa, credo che sarà quella la chiave della partita. La determinazione e il temperamento sono poi elementi importanti, ma che devono essere presenti sempre, non soltanto domenica. La pressione? La posta in palio si sente, ma ci conviviamo ormai da oltre un mese. La squadra è forte e rodata e sa quel che deve fare».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento