Sabato, 19 Giugno 2021
Sport

Pallanuoto Serie B, per la Vela un anno positivo analizzato da coach Pace

Vela Nuoto Ancona terza nel proprio girone, come un anno fa. A regular season conclusa il coach della squadra maschile di serie B di pallanuoto, Igor Pace, fa il punto della situazione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Vela Nuoto Ancona terza nel proprio girone, come un anno fa. A regular season conclusa il coach della squadra maschile di serie B di pallanuoto, Igor Pace, fa il punto della situazione, analizzando un campionato che ha comunque visto gli anconetani tra i protagonisti.

Igor Pace, siete arrivati terzi come lo scorso anno: come giudichi il piazzamento?

"All'inizio della stagione ci avremmo messo la firma per un risultato di così alta classifica, a due punti dai playoff. Vedendo com'è andata, però, c'è un po' di rammarico. Un girone strano, da due anni c'è una squadra che le vince tutte, e noi abbiamo bucato una sola partita, con la Mestrina in casa. Poi abbiamo disputato un girone di ritorno perfetto, perdendo solo a Padova con la prima in classifica. Sia analizzando le performance individuali che quelle di collettivo sono contento".

Cos'è mancato?

"Un po' di tranquillità, dovuta forse anche all'età media della squadra molto bassa. Nel momento in cui siamo andati in difficoltà, come nei due tempi a Bergamo o nell'ultimo tempo la Mestrina… è mancato un pizzico di maturità nel riuscire a gestire i momenti più difficili".

E cosa c'è invece di positivo?

"Sicuramente la conferma di chi non è più così giovane. Lo zoccolo duro dei '92 e '93 che è la nostra base per il futuro: hanno dimostrato di essere ormai giocatori di categoria. Ogni buon momento va sempre ricercato nello zoccolo duro della squadra, sul quale avviene poi l'inserimento del giovanissimi. Si può programmare un buon futuro, senza precluderci nessun risultato".

Giovani di grandi qualità: Pieroni ('96), Santini ('97), Pantaloni ('97), Sabatini ('98), Bartolucci D. ('98)…

"Rispettando la convinzione che dobbiamo sempre avere uno zoccolo duro, loro saranno il gruppo dei prossimi anni. Un gruppo coeso che lavora tanto. Sono ragazzi che hanno personalità, capacità di applicazione, voglia di lavorare. Su di loro stiamo puntando molto, dobbiamo dar loro il giusto spazio, anche perché altre società osservano da molto vicino il nostro vivaio e dobbiamo fare in modo che le sirene non allettino troppo i nostri giovani. Ogni volta che sono entrati in acqua non ho mai avuto la sensazione che avremmo pagato lo scotto dell'età".

E una generazione di portieri: Bartolucci, Santini, Firmani…

"E' un po' la politica della nostra società: alla fine di un ciclo guardiamo cosa c'è mancato e cerchiamo soluzioni. Qualche anno fa c'è stato il problema portieri e abbiamo cercato di dargli maggiore attenzione e questo ha pagato. Anche con un po' di fortuna, associata a un'attenzione particolare a quelle che erano le nostre carenze".

Ora ospitate anche la pallanuoto dei Giochi della Macroregione Adriatico Ionica…

"Un plauso all'iniziativa: portare ad Ancona mille atleti e dodici discipline è una gran bella cosa, stimolare la città attraverso lo sport, lo dico sia da sportivo che da anconetano, è fondamentale. E la piscina del Passetto è un simbolo della città, sul mare, con dimensioni perfette per la pallanuoto. Interessante poi il confronto con realtà dei Balcani, che nella pallanuoto hanno vinto tutto. Poi ospiteremo il Trofeo delle Regioni under 13 e a fine luglio la finale scudetto under 15 femminile".

Sarà anche l'occasione per il restyling della vasca?

"Una volta finiti i Giochi gli anconetani troveranno i servizi della piscina migliorati, dopo che per tanti anni sono rimasti com'erano un tempo. Un plauso all'amministrazione e all'ufficio tecnico del Comune di Ancona, che in pochissimo tempo sono riusciti a mettere in piedi la ristrutturazione di servizi e spogliatoi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pallanuoto Serie B, per la Vela un anno positivo analizzato da coach Pace

AnconaToday è in caricamento