Martedì, 26 Ottobre 2021
Sport

Rio 2016, la rimonta nel finale non basta: medaglia d'argento per la Di Francisca

L'azzurra era partita bene, chiudendo la prima manche sul 3-0. La fiorettista di Jesi ha poi incassato un terribile break di 7 stoccate dalla russa. Inutile l'emozionante e sofferta rimonta finale. Oro alla Deriglazova

RIO DE JANEIRO - Ci avevamo creduto. Lo splendido avvio e la disperata rimonta finale ci avevano fatto sognare. La medaglia d'oro era li, ad un passo, ma purtroppo questa volta non è arrivata. Elisa Di Francisca non è riuscita a bissare il successo di Londra 2012, arrendendosi in finale alla campionessa del mondo, la russa Inna Deriglazova.

La fiorettista di Jesi ci ha fatto dondolare in un'altalena di emozioni. La semifinale gestita splendidamente contro la tunisina Boubakri. Poi l'avvio da campionessa contro la forte Deriglazova. Dopo la prima manche è emerso l'orgoglio della campionessa del mondo russa, che con un break di 7 stoccate si è portata avanti nel punteggio. Con la medaglia d'oro sempre più lontana, la Di Francisca ha tentato una rimonta che avrebbe avuto dell'incredibile, sostenuta dalle urla della sua allenatrice, l'olimpionica Giovanna Trillini. Tutti a fissare la luce verde, nella speranza di vedere accese ancora le speranze di vittoria. Due secondi alla fine. L'ultima stoccata, le urla di felicità della Deriglazova e la disperazione composta di Elisa. Dopo vent'anni il fioretto femminile alle Olimpiadi non parla più italiano. Ma la Di Francisca è lì, nella storia della scherma, con l'ennesima medaglia della sua incredibile carriera. Nella storia c'è anche la città di Jesi con la sua scuola di scherma, capace di portare al top atleti marchigiani dal 1984 in 8 olimpiadi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rio 2016, la rimonta nel finale non basta: medaglia d'argento per la Di Francisca

AnconaToday è in caricamento