menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nicola Di Piero in sella alla sua moto

Nicola Di Piero in sella alla sua moto

AnconaToday sul ghiaccio della Val D'Aosta con Nicola Di Piero

Il centauro anconetano ha portato la sua KTM 950 griffata AnconaToday a correre sul ghiaccio della Val D'Aosta. Non è la prima volta che il pilota del Team CarpediemOfforad intraprende una gara che nessuno aveva mai corso prima

Sfida tutta nuova per Nicola Di Piero e per il mondo delle moto maxienduro. I campionati sono finiti e dopo gli ottimi risultati raggiunti in questo difficile 2020, il centauro anconetano ha portato la sua KTM 950 griffata AnconaToday a correre sul ghiaccio della Val D'Aosta. Non è la prima volta che il pilota del Team CarpediemOfforad intraprende una gara che nessuno aveva mai corso prima con una moto bicilindrica di grossa cilindrata e così anche questa volta è stato il primo insieme ad un suo amico ad iscriversi al campionato Ice Trophy FMI. Si tratta di un campionato di gare su circuiti con fondo ghiacciato, riservato a moto da fuoristrada dotate di pneumatici tassativamente con chiodi da ghiaccio.

La prima gara si è corsa domenica scorsa a Crevacol (AO), presso la pista ghiacciata "La Rosière", temperatura -6°C! piloti della categoria maxienduro denominata "Enduro Stradali" erano 3, non sufficienti per ufficializzare questa classe per cui ne servono almeno 4. Il centauro anconetano ha quindi corso nella categoria Over 250 Stock, in mezzo alle moto "piccole" e si è classificato 8° di categoria e 13° assoluto su 19 totali dei piloti Stock (ovvero con meno di 550 chiodi). Per niente male se consideriamo che Nicola ha corso tutta la giornata con la gomma posteriore bucata, sostenuta solamente da una protezione rigida montata internamente per dare presa ai chiodi e visto il peso della sua moto da 200 kg. «E' una specialità divertentissima, fa molto freddo ma quando si entra in pista ci si scalda in fretta. Non si direbbe ma con le gomme chiodate si ha più tenuta di quanto si possa immaginare - afferma Nico Traverso e continua - Ho pagato lo scotto dell'inesperienza su alcuni aspetti, ma farò tesoro di questa esperienza per migliorare la moto per la prossima gara prevista per il 17/01 sempre a Crevacol».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento