Portonovo: atleti da tutto il mondo per la gara di sup, vince Leonard Nika

In gara c'era ancora la bandiera anconetana Jacopo Bugatti che si è piazzato 17esimo. Il suo prossimo obiettivo? Non ha dubbi: «La gara in Sup alle isole Hawaii, dove si gareggia passando da un'isola all'altra»

Per due giorni Portonovo diventa il centro nevralgico del Sup (Stand Up Paddle) a livello mondiale. Sabato scorso infatti si sono radunati decine di atleti provenienti da tutto il globo per darsi battaglia in una competizione di lunga distanza. Una gara di qualificazione per il grande, vero evento in programma l’anno prossimo: il “Conerolongestday”. La gara, organizzata dall’associazione sportiva “Dadelaadequà”, si terrà durante la prossima fiera di San Ciriaco e vedrà i concorrerti darsi battaglia a colpi di pagaia lungo un tragitto che va dal Passetto fino a Portonovo. 2014-08-31 12.01.32-3

Ma per staccare il biglietto del grande evento del prossimo anno, è stato necessario dimostrate essere dei veri “ironman” nella gara di sabato. 50 professionisti provenienti da ogni nazione si sono incontrati nella baia anconetana. Al via, gli atleti hanno scosso le acque anconetane a colpi di pagaia per una gara all’ultimo respiro. Sono partiti dalla Capannina e sono arrivati fino a Sirolo. Poi si sono diretti fino alla zona del Trave e dritto fino a Mezzavalle. Alla fine rimaneva l’ultimo tratto, fino alla Capannina, dove i maestri del Sup hanno allungato il passo per la volata finale. Una sfida in velocità dove non si è risparmiato nessuno e tutti, uomini e donne, hanno dato il massimo fino all’ultima pagaiata

RISULTATI. Primo classificato è l’italiano di adozione Leonard Nika (originario della Slovenia). Tra le donne la prima classificata è la spagnola Susak Molinero. Tra i partecipanti però c’era ancona la bandiera anconetana Jacopo Bugatti (in foto), che il 21 giugno scorso ha realizzato la traversata in solitaria dalla Croazia ad Ancona. Lui si è piazzato 17° e ha commentato: «E’ stata una gara molto impegnativa perché i livello di intensità è stato molto elevato rispetto al mio, che ho un ritmo più simile a quello di un diesel. Sono tutti atleti professionisti abituati a fare gare con un altissimo tasso di intensità. Sono anche contento perché sono rimasti stupiti del posto e la cosa più bella per tutti è stato passa dentro l’insenatura delle Due Sorelle». Prossimo obiettivo di Bugati? «La gara in Sup alle isole Hawaii».

Ieri è stato il secondo giorno del week-end dedicato alla tavola su Sup. una giornata puramente promozionale dove Bugatti, insieme ai ragazzi dell’associazione, hanno organizzato uno stand e una mini competizione di circa 200 metri dedicata ai bambini che, per la prima volta, si sono avvicinati a questo sport ancora poco conosciuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento