Pallavolo, una settimana al via per la Lardini. Coach Bellano: «Lavoro e motivazioni»

Una settimana per iniziare il lavoro sul campo con la Lardini (ritrovo il 23 agosto), dopo averla pensata e disegnata a quattro mani con il direttore sportivo Mauro Carloni

Massimo Bellano

Il conto alla rovescia segna meno sette. Ed è un altro inizio per Massimo Bellano, dopo quello coniugale con la sua Stefania, portata all’altare a fine luglio, in un’estate di grandi cambiamenti. Sette giorni per iniziare il lavoro sul campo con la Lardini (ritrovo il 23, inizio della preparazione il giorno successivo), dopo averla pensata e disegnata a quattro mani con il direttore sportivo Mauro Carloni in un mercato che ha modificato la fisionomia (a proposito di cambiamenti…) della formazione filottranese.

«Rispetto all’identikit di squadra che avevamo fatto, direi che siamo riusciti a centrare l’obiettivo iniziale – sottolinea l’allenatore della Lardini –, quello di avere una rosa di giocatrici con prospettive di crescita, dedizione al lavoro e motivazioni massimali. Vale per le giovani e non solo. Adesso aspettiamo che il campo dia il suo giudizio, ma crediamo di avere operato bene sul mercato. E’ una Lardini che può avere un buon cambio palla e vantare qualità in battuta. Dovremo lavorare nel fondamentale del muro per diventare una buona squadra nella correlazione muro-difesa e contrattacco». Difficile ad agosto raccontare di obiettivi precisi senza avere la sfera di cristallo, «anche perché in questo momento si rischiano valutazioni superficiali. Avevamo detto che si voleva ripartire da dove la squadra aveva finito la scorsa stagione e non lo possiamo negare: ci piacerebbe provare a sederci ancora al tavolo delle migliori. Pesaro, Caserta e Trento mi sembrano le formazioni che meglio si sono attrezzate, ma ci sono anche tante altre realtà interessanti come Chieri, Legnano e San Giovanni in Marignano. Sarà un campionato molto equilibrato, più dello scorso. Per tutti ci sarà da lottare, punti per strada ne perderanno tutti. Il fatto di avere una squadra molto rinnovata non mi preoccupa, perché so che alle spalle c’è una società che capisce di pallavolo, consapevole che occorre tempo per trovare i giusti meccanismi, anche se questo per noi non sarà mai un alibi. Se sapremo lavorare bene e con qualità i risultati arriveranno. Se sapremo parlare molto del “noi” e poco dell’“io” verrà fuori il grande talento che ha ognuna delle nostre atlete. Si è poi costruito uno staff serio e preparato, sfruttando le potenzialità e le competenze che ci sono sul territorio: se saremo bravi a trovare la giusta intesa tra noi, sono convinto che sapremo supportare la squadra nella maniera ottimale». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento