Anconetani nel judo fanno il pieno di medaglie

Oltre 40 tra bambini, ragazzi e adulti in una settimana davvero da incorniciare

Settimana di grandi soddisfazioni per decine di bambini, ragazzi e adulti della società sportiva Ancona Judo. Tra domenica 17 e venerdì 22 febbraio i judoka dorici si sono portati a casa 16 medaglie e 40 nuove cinture. Nel torneo Uisp “Jacopo Inammorati”, svoltosi a Monte Urano domenica 17, hanno vinto l’oro Enrico Lombardi e Lorenzo Lucarelli nella categoria ragazzi, Lorenzo Ramini e Alessia Zuccari negli esordienti A, Diego Bracaccini e Tommaso Verducci negli esordienti B, Andrea Storchi nei cadetti. Argento per Mattia Costantini, Samuel Lomanto e Riccardo Mannella nella categoria ragazzi, Matteo Giuttari nella categoria esordienti A, Giosuè Pucci e Alessia Ruggeri negli esordienti B. Bronzo per Lucio Cuccaroni nei ragazzi, Luca Candelaresi e Tommaso Gioacchini negli juniores.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Percorso atletico e primi combattimenti amichevoli, nel pomeriggio, anche per i bambini dai 6 ai 9 anni: Emanuele Bonaduce, William Carlini, Pietro Filoni, Marco Lombardi, Mattia Sabbatini, William Schiraldi e Christian Toccaceli. Tornati ad Ancona, tra giovedì 21 e venerdì 22, gli atleti hanno sostenuto gli esami per il passaggio di cintura, di fronte al Maestro Giancarlo Gironelli e agli assistenti Marco Nerozzi, Andrea Lomanto e Valerio Cuccaroni. Con saluto, caduti e tecniche ben eseguite, una quarantina tra bambini, ragazzi e adulti hanno dimostrato di meritare la cintura superiore, dalla gialla alla marrone. Il passaggio di cintura segna un momento importante, perché indica la maturazione non solo di un atleta ma di tutta persona, che avanza nel “ju-do”, ovvero nella “via (do) della cedevolezza (ju)”, imparando che non serve opporre forza a forza ma bisogna fare come il salice che, per liberarsi senza spezzarsi, lascia scivolare la neve e come l’acqua che si adatta al recipiente in cui è contenuta, poi goccia a goccia scava la roccia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Party abusivo al porto, in consolle c'era pure il Dj: ora sono guai per il titolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento