Irripetibile stagione agonistica per il settore giovanile dell’Atletica Osimo Bracaccini

Il settore giovanile dell'Atletica Amatori Osimo Bracaccini , con la conquista dell'ennesimo titolo Regionale e tre terzi posti, chiude una stagione agonistica con un crescendo di risultati sopra le righe

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Il settore giovanile dell'Atletica Amatori Osimo Bracaccini , con la conquista dell'ennesimo titolo Regionale e tre terzi posti, chiude una stagione agonistica con un crescendo di risultati sopra le righe

Sabato scorso, allo Stadio Helvia Recina di Macerata, si è svolto il memorial "Paolo Mirabile", valido come prova per l'assegnazione dei titoli Regionali di Staffette categoria ragazzi under 14

A questo importante evento, che chiude la stagione agonistica su pista outdoor , erano presenti i migliori team della Regione che hanno rappresentato quattro delle cinque Provincie Marchigiane, in quanto mancante, come spesso accade, le società sportive del Pesarese.

Ciò non ha sminuito la valenza dei risultati e ne tantomeno lo spettacolo offerto da questa Atletica, quella vera e pura di questi ragazzi, che hanno dimostrato in questo sport, per sua natura individualistico, nei momenti più importanti diventa soprattutto di squadra.

In questi ultimi due mesi caratterizzati da tanti successi e importanti risultati, l'Atletica Amatori Osimo Bracaccini , ancora una volta non si è smentita, le sue cinque staffette, hanno colorato il podio di giallo e chiuso così in bellezza una stagione agonistica 2014.

Il primo titolo Regionale, è arrivato dalla staffetta 3x800 m. formata da Chiara Sanseverinati, Benedetta Trillini e da Giada Meschini.

Una bella gara quella interpretata da queste tre ragazze che hanno creduto ma soprattutto voluto la vittoria.

Perfetta quasi magistrale l'intuizione di far partire in prima frazione la Sanseverinati che seppur giunta terza è riuscita a contenere il distacco dalle due prime frazioniste che l'ha preceduta sul cambio. Partita in seconda battuta il turbo della squadra Benedetta Trillini, neo campionessa Regionale dell'alto, metro su metro a risucchiato e poi superato la seconda frazionista ed ha passato il testimone ad una splendida finisser Gaia Meschini che ha rimontato il distacco e agganciata la prima staffettista all'ultima curva, l'ha affiancata e superata sul rettilineo d'arrivo, e si è involata così verso una bellissima quanto meritata vittoria .

La bella performance di queste ragazze ha galvanizzato e fortemente motivato i loro compagni di squadra che nel corso delle gare hanno ottenuto altri tre terzi posti.

I primi a salire sul terzo gradino del podio la staffetta 3 X 800, composta da Lorenzo Falappa, Giacomo Bussolotti e Leonardo Salvucci. Questi tre ragazzi hanno espresso delle buone potenzialità, soprattutto hanno dimostrato ampi margini di miglioramento, per cui li rivedremo protagonisti nelle prossime gare indoor e campestri.

Belle, spettacolari e combattute le gare della staffetta Svedese, con distanze progressive variabili a partire dai 100- 200-300-400 m. hanno portato altri due terzi posti di squadra.

In questa gara, Sara Oncini e le ormai conosciute Chiara Sanseverinati, Benedetta Trillini e Gaia Meschini, per l'impegno profuso avrebbero meritato molto di più di un terzo posto, resta comunque il buon risultato cronometrico ottenuto che migliora di 3 secondi il precedente primato societario realizzato lo scorso anno sempre su questa pista di Macerata.

A chiudere la carrellata dei podi, sempre nella staffetta svedese è arrivato un altro terzo posto , che non paga appieno il valore del quartetto composto da Caterina Paccamiccio, Giada Moresi, Alessia Lillini e Ilaria Fabiani.

Significativa la prestazione di Borgognoni Maria Letizia, Miriam Mazzieri, Sofia Foganti e Linda Cardoni, pur non riuscendo a salire sul podio nel loro doppio impegno sia nella staffetta svedese che nella 3x800, hanno generosamente dato il massimo. Ragazze queste destinate a crescere se continueranno ad impegnarsi con serietà e costanza, ma soprattutto se crederanno nella connaturale bellezza di questo sport, che fa nascere sempre nuove ed avvincenti sfide con se stessi e gli altri.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento