Sport

Scherma, il presidente Scarso ad Ancona: «A Rio puntiamo sulla Di Francisca»

Gli occhi della scherma sono proiettati un po' tutti su Rio ha detto il presidente del Coni Giorgio Scarso

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

ANCONA- Ospite d'eccezione per presentare i prossimi Campionati Italiani di serie A2 a squadre e la Coppa Italia questa mattina al Palascherma di Ancona come il Presidente Nazionale della Federscherma e Vice Presidente Vicario del Coni Giorgio Scarso sceso nella dorica per dare la sua benedizione ufficiale alla manifestazione organizzata dal Club Scherma Ancona nelle giornate del 6 - 7- 8 Maggio presso il Palaindor di Ancona zona Montagnola. Ad accompagnare Scarso anche il vice Presidente Giampiero Pastore che sono stati ricevuti dal Presidente del Club Maurizio Pennazzi e da alcuni dirigenti, maestri e atleti. Non potevano mancare naturalmente le autorità locali rappresentate da Fabio Sturani Consigliere Nazionale Coni, Fabio Luna come Delegato Provinciale Coni. Assente l'Assessore allo sport del Comune di Ancona Andrea Guidotti che ha partecipato ai funerali del piccolo Leonardo figlio di un suo giocatore scomparso tragicamente nei giorni scorsi. Come sempre a portare il saluto iniziale il Presidente Pennazzi che ha voluto ringraziare tutti per la presenza a questa conferenza e senza perdere altro tempo ha lasciato la parola a Scarso.

«Ringrazio tutti voi insieme al mio vice Pastore per averci invitato a questa conferenza stampa. Stiamo andando a Riccione dove si sta svolgendo il Gran Premio Giovanissimi. Una tappa dove tutti gli atleti sono passati e tutti i futuri campioni di oggi e di domani passeranno perché è una tappa importante - commenta il presidente Scarso - Al tempo ringrazio le Società in giro per l'Italia che sono coloro che rendono possibile la vita della nostra attività a livello locale e dove noi possiamo costruire insieme eventi. Ora siamo proiettati un po' tutti su Rio dove punteremo le nostre speranze su De Francisca, Errigo Montano, Ochhiuzzi, e le squadre di sciabola e fioretto maschile e femminile. Ma è storia di questi giorni l'addio all'attività di una campionessa come Valentina Vezzali che ha scritto la storia della nostra scherma a livello mondiale. Orai tempi stanno un po cambiando stanno emergendo nuove potenze come Russia, Giappone, Ungheria, Germania e Francia e queste cose ci fanno capire che non si può vivere di rendita e pensare ai giovani. Noi cercheremo di fare la nostra parte come Federazione. Mi complimento con voi e con il Presidente Pennazzi per il grande lavoro svolto in questi anni e per le splendide manifestazioni che sta organizzando anno dopo anno fornendo anche tanti atleti e che sono cresciuti qui e voglio spendere una parola per la grande promozione per il lavoro fatto anche se poi i ragazzi nel momento di affacciarsi al panorama Nazionale emigrano cercando l'albero più resistente, ma il lavoro primario è stato svolto da piccoli. La vostra soddisfazione deve restare comunque quella di aver cresciuto questi ragazzi. Ma si guarda con un occhio al futuro anche in proiezione di Roma 2024 cercando di sfruttare nel migliore dei modi il Palascherma di Ancona come possibile sede di allenamento nazionale che sarebbe anche una bella immagine della città come turismo e promozione».

Dopo l'intervento del Presidente la parola passa al suo vice Giampiero Pastore: «Ringrazio tutti voi per l'invito di oggi, Per noi non è facile seguire tutto, abbiamo un circuito di 45 gare e senza l'apporto del sistema scherma coinvolge tutti e senza le strutture territoriali e grazie a gente come voi non riusciremo a fare tutto. Personalmente per me ritornare ad Ancona è speciale. Ho preparato le Olimpiadi di Sidney ed è stato il periodo più bello della mia carriera». Poi tocca al Consigliere Coni Nazionale Fabio Sturani prendere la parola: «Ringrazio Scarso e Pastore per la loro presenza sul territorio e con la loro presenza testimoniano che la competizione che oggi presentiamo è di notevole spessore con oltre 1300 atleti presenti e con la città di Ancona al centro dello Sport. Il Club Scherma Ancona si ricandida ad un nuovo successo come negli anni precedenti cosi come il grande lavoro svolto in questi ultimi 20 anni dalla nascita del Palascherma. Per quanto concerne invece la prospettiva futura parlando di Roma 2020 servirà un ricambio generazionale e il Club Schema Ancona lo ha capito e sta già lavorando per crescere nuove speranze che forse un giorno potrebbero diventare i campioni del domani. Infine abbiamo ripreso in mano un vecchio progetto di poter creare le condizioni affinchè questo possa diventare un centro importante per la scherma Nazionale e non solo realizzando la seconda parte destinata alla foresteria per ospitare tutti. Per anni è rimasto fermo, oggi c'è la volontà anche da parte della Federazione Scherma, quindi ci ragioneremo insieme e con qualche risorsa possa avere una sua prospettiva su cui poter ragionare in futuro». Infine è Fabio Luna quale delegato Provinciale Coni, in rappresentanza anche del Presidente Regionale Germano Peschini a prendere la parola. «Abbiamo due ospiti molto importanti anche perché Scarso è anche il Vice Presidente del Coni. Abbiamo toccato tutti gli aspetti sulla presentazione dell'evento. Quando si parla di promozione sportiva sul nostro territorio sappiamo che sei atleti che alle prossime Olimpiadi di Rio sei atleti sono della nostra provincia più due atleti paraolimpici e altri atleti che stanno cercando le qualificazioni come pallavolo e pallacanestro. Ma al di la dei risultati va sottolineata la valenza del nostro movimento sportivo anche dal punto di vista organizzativo e anche il 2016 abbiamo avuto appuntamenti che hanno dato alla nostra città una grande visibilità anche grazie ad un grande lavoro dietro e alle splendide strutture che ci sono dietro. Ringrazio pertanto tutti per il lavoro che stanno facendo con tanti sacrifici e che forse avrebbero bisogno di anche di assistenza economica».

A conclusione il Presidente Maurizio Pennazzi, ha voluto ribadire le molteplici attività che sta portando avanti in questo periodo. Un grande successo è stato il "Palachermaday" dello scorso 24 aprile dove oltre 150 bambini sono venuti a provare questa disciplina e dalla prossima settimana molti di loro si sono interessati e inizieranno il corso vero e proprio. Infine da segnalare anche che il Club Scherma Ancona apre le porte anche ai disabili. Attualmente si stanno allenando due ragazzi nel nostro club e per noi un grande passo avanti.

Paolino Giampaoli

Ufficio Stampa CSA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scherma, il presidente Scarso ad Ancona: «A Rio puntiamo sulla Di Francisca»

AnconaToday è in caricamento