menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Fip chiede di allargare il cerchio delle squadre a competizione nazionale

Una decisione un po a sorpresa che in qualche maniera sta generando anche un po di confusione all’interno dei club ma ad essere chiamati in causa sono proprio i settori giovanili

Un fulmine a ciel sereno una decisione che in qualche maniera ha spiazzato alcune società. Il riferimento non può che essere alla Federazione Italiana Pallacanestro che tramite il Coni ha chiesto l’inserimento di tutte quelle squadre i cui campionati hanno una finale nazionale tra i tornei che potrebbero tornare ad allenarsi per la metà di gennaio. In poche parole la fase nazionale il che significa l’estensione dell’attività fino alla Serie C Gold e Silver maschile per passare alla serie B femminile oltre ai campionati regionali giovanili le cui finali hanno un interesse nazionale. Una decisione un po a sorpresa che in qualche maniera sta generando anche un po di confusione all’interno dei club ma ad essere chiamati in causa sono proprio i settori giovanili.

In poche parole due coetanei inseriti in due squadre differenti ma dello stesso club si potrebbero ritrovare a vivere una situazione piuttosto anomala ovvero quello che gioca con la squadra A potrà scendere in campo in quanto il campionato di pertinenza ha una successiva appendice nazionale l’altro invece che gioca nella squadra B e che partecipa ad un torneo regionale e li si ferma sarà costretto a rimanere a casa in quanto vi è il blocco dell’attività sportiva. Due pesi due misure resta il fatto che questa decisione intrapresa dalla Federazione Italiana Pallacanestro nella figura del presidente Gianni Petrucci potrebbe in realtà rappresentare una mossa disperata per garantire un minimo di attività sportiva. Una decisione che secondo alcuni sarebbe stata dettata dal fatto che il Governo sarebbe sul punto di bloccare qualsiasi sport di contatto fino al periodo estivo fatta eccezione per quei tornei a caratura nazionale. Tra i campionati che rischiano di rimanere fermi al palo anche la serie C femminile torneo dove milita il Cus Ancona pallacanestro femminile. Un torneo dove ci sono squadre umbre abruzzesi e marchigiane ma che viene organizzato dal Comitato Regionale dell’Abruzzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini, fascia d'età 50-59 anni senza patologie: si dovrebbe partire il 13 maggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento