Festa dello sport, il Coni premia i protagonisti della provincia anconetana

Il delegato di Ancona, Enrico Picchio: «Non dimentichiamo mai il valore formativo dello sport, solo così garantiremo un futuro roseo allo sport ed a tutta la società»

La premiazione di Assunta Legnante

Posti in piedi all'Auditorium della Mole Vanvitelliana di Ancona per la 43ª edizione della Festa dello Sport del CONI Provinciale di Ancona, la prima targata Enrico Picchio, delegato del CONI Point Ancona. Numerose le autorità civili, militari e religiose intervenute alla manifestazione che come ogni anno è l'occasione per consegnare le più alte onorificenze di CONI, Panathlon e CIP ad atleti, dirigenti, tecnici, società che si sono particolarmente distinti nella stagione sportiva o che festeggiano gli anni di carriera sportiva.

La cerimonia, condotta dal giornalista e presidente dell'Unione stampa sportiva delle Marche, Andrea Carloni, si è aperta con il messaggio di congratulazioni per "un 2019 costellato di soddisfazioni per lo sport anconetano" del segretario generale del CONI, Carlo Mornati, trattenuto a Milano per impegni istituzionali.

Un pomeriggio, quello della Festa dello Sport, dedicato alla consegna dei riconoscimenti, ma soprattutto un momento di condivisione con tutte le componenti dello sport della provincia, come ricordato dal delegato provinciale del CONI Ancona, Enrico Picchio che dal palco della Mole ha lanciato un appello a tutto il movimento sportivo. «Non dimentichiamo mai il valore formativo dello sport, solo così potremo avere atleti di assoluto rigore morale, garantendo un futuro roseo allo sport ed a tutta la società». Picchio ha poi ringraziato il presidente del CONI Marche, Fabio Luna, che lo ha nominato delegato lo scorso giugno. «Un ringraziamento - ha poi aggiunto Picchio - a chi ogni giorno lavora dietro le quinte per lo sport e che è l'anima del movimento sportivo. Grazie a tutti coloro che con la loro passione e con la loro dedizione promuovono lo sport a tutti i livelli. Oggi - ha aggiunto Picchio - facciamo il bilancio di un anno ricco di successi sportivi, ma anche di un anno ricco di successi organizzativi che dimostrano l'ottima sinergia tra istituzioni e società sportive ed istituzioni civili».

Festa dello Sport, momento di bilancio, ma anche un momento per gettare lo sguardo al futuro. Un futuro che vede grandi trasformazioni per il CONI, anche a livello territoriale, a seguito della riforma dello sport italiano. «Di certo non tutto sarà come prima - ha affermato il presidente del CONI Marche, Fabio Luna -, ma di una cosa sono certo: questi momenti di festa non saranno cancellati, perché non possiamo mai dimenticare di ringraziare ed applaudire quelle persone, in primis i dirigenti, che ogni anno lavorano per rendere vivo e vivace il movimento sportivo delle Marche e che ci rendono orgogliosi di appartenere a questa grande famiglia».

L'assessore allo Sport del Comune di Ancona, Andrea Guidotti, nel portare i saluti dell'amministrazione dorica ha lanciato un monito alla platea: «Onorate e difendete sempre i valori dello sport da chi cerca di inquinarlo», mentre l'assessore alle Pari Opportunità della Regione Marche, Manuela Bora, ha sottolineato il valore sociale dello sport, dal fair play al divertimento fino al suo aspetto di linguaggio «per trasmettere un'esperienza formativa. Al di là delle vittorie, pure importanti, lo sport è fatto anche di sconfitte che ci insegnano a rialzarci, a fare meglio e a dimostrare che possiamo farcela».

Tra il parterre d'eccezione, l'arcivescovo di Ancona-Osimo, Angelo Spina, il presidente dell'Autorità di sistema portuale, Rodolfo Giampieri, il presidente della provincia di Ancona, Luigi Cerioni, il presidente onorario del CONI Marche, Fabio Sturani, il vice presidente vicario del CONI Marche, Giovanni Torresi, i componenti della Giunta del CONI Marche, Marco Porcarelli, Violetta Piergiacomi, Lino Secchi, il delegato del CONI provinciale di Fermo, Vincenzo Garino e del CONI provinciale di Pesaro-Urbino, Alberto Paccapelo, il presidente del CIP, Luca Savoiardi. Nel corso della serata sono state consegnate le onorificenze. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Malore alla guida in A14, poi l'incidente: 48enne ricoverato in gravi condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento