Sport Palombare

Dolphins Ancona, a Milano contro Giorgio Tavecchio

I dorici saranno i primi avversari del forte kicker NFL, ma al Vigorelli contro i Seamen attenzione a tutti quanti i pluricampioni d'Italia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Festa dei lavoratori in campo per i GLS Dolphins Ancona. I dorici, ancora imbattuti in campionato, saranno infatti ospiti della corazzata Seamen Milano sabato 1 maggio. Sarà una partita importante e colorata da tanti temi quella che avrà inizio al Vigorelli alle ore 18. Non per ultimo, l’atteso esordio in campionato di Giorgio Tavecchio, kicker italiano con diverse esperienze da titolare in molte franchigie NFL, sbarcato nei giorni scorsi in Italia e atteso al debutto contro i delfini come annunciato sui social dai dirigenti milanesi prima e tramite comunicato stampa ufficiale poi. Ma andiamo con ordine ricordando che i Dolphins sono ancora imbattuti (record 2-0) mentre i Seamen sono 2-1 avendo perso all’esordio con i Panthers Parma. Record che nulla sottrae alla forza e alla qualità dei campioni d’Italia in carica che anzi saranno determinati nel voler effettuare il sorpasso in classifica nello scontro diretto. Da parte dei Dolphins invece la consapevolezza di essere di fronte ad una delle squadre più forti d’Italia e d’Europa degli ultimi dieci anni carica l’intero gruppo della giusta forza e della voglia di ben figurare, giocando la propria partita. E Tavecchio? Si limiterà al ruolo a lui consono calciando field goal ed extra point o parteciperà anche a qualche azione di gioco in attacco e difesa? Difficile a dirsi. Ad ogni modo, come sempre, parola all’head coach dei Dolphins Roberto Rotelli per fare il punto su questa partita. Coach con quale spirito entreremo in campo al Vigorelli? «Entreremo in campo con la voglia di fare bene e di fare la nostra partita. Siamo quantomai consci di essere davanti ad una squadra molto forte e blasonata, senza veri punti deboli. La differenza dei roster, per qualità e profondità, è nota ed innegabile. Ciò ci pone però nella condizione di non avere nulla da perdere. Per loro sarà l’esatto contrario invece e per questo sono certo che non ci sottovaluteranno. Andremo dunque a Milano a fare la nostra partita senza sentirci vittime sacrificali designate». La chiave della partita quale potrebbe essere? «Sto notando, nel football come in tutti gli altri sport, una incredibile sequenza di errori. Le partite sono condizionate dagli errori. Ecco, chi sbaglierà meno porterà a casa la “V”». I punti di forza di entrambe le squadre? «Beh i Seamen han solo punti di forza e nessun punto debole. Ma se proprio devo citare quella che per me è l’eccellenza assoluta allora dico il reparto aereo. I ricevitori dei Seamen sono una elite. Noi Dolphins invece possiamo contare su molti giovani determinati e pronti a far bene. Uno spirito di gruppo e di squadra molto importante che ci porta sempre oltre gli ostacoli che incontriamo. Apprendere e migliorarsi dopo ogni singola azione. E’ questa la nostra forza». Ci può descrivere gli import dei Seamen? «Il quarterback Luke Zahradka lo abbiamo scoperto noi dei Dolphins anni fa, prima che con le squadre milanesi e facesse incetta di titoli. Lui è l’oriundo della squadra e sulle sue qualità parlano statistiche, risultati e trofei vinti. Il giocatore di scuola europea è l’uomo di linea serbo Stefan Drecun. Credo sia 1,96x135kg. Credo di aver detto tutto… Infine il giocatore di scuola nordamericana è, viste le nostre regole, l’italiano Giorgio Tavecchio». Due parole su Tavecchio sono obbligatorie. «Certo. Conosco Tavecchio da anni, con lui ho un ottimo rapporto. Ci siamo sentiti più volte via email. Ho profonda e sincera stima per lui e sono contento abbia accettato di giocare in Italia perché la sua presenza farà da cassa di risonanza a tutto il movimento. Sul piano del gioco per noi sarà sicuro un problema in più. Dovremmo stare molto attenti ai suoi field goal, dato che negli USA centrava i pali dalle 500 yard». «Se posso concludere –termina per l’appunto Rotelli- sono molto felice di poter giocare a football il primo maggio. Tra zone gialle, rosse limiti e paure avrò ed avremo la possibilità di stare all’aria aperta facendo sport, lo sport che più ci piace, senza preoccupazioni o che. Spero il tempo regga e non piova, perché sono sicuro che vedremo del buon football». La partita, ovviamente a porte chiuse, potrà essere vista sul canale youtube dei Seamen Milano a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=2wBHACFn9wE Riprese ed immagini saranno di loro produzione. (FOTO GERMANO CAPPONI) Antonio Bomba (Responsabile Ufficio Stampa GLS Dolphins Ancona)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dolphins Ancona, a Milano contro Giorgio Tavecchio

AnconaToday è in caricamento