menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Football americano, Dolphins chiudono la stagione con una vittoria: Roma ko

Niente post season per la formazione di coach Rotelli, che con un record stagionale di 4 vittorie e 6 sconfitte, resta la grande delusa di questa stagione di prima divisione della palla ovale

Va in archivio con una vittoria rotonda, anche se a tratti sofferta, la stagione 2017 per i GLS Dolphins Ancona, che sabato sera al Mandela si sono imposti 35-12 sui Glizzlies Roma. Niente post season per la formazione di coach Rotelli, che con un record stagionale di 4 vittorie e 6 sconfitte, resta la grande delusa di questa stagione di prima divisione della palla ovale.

Troppi errori e leggerezze in regular season e due, in modo particolare, le sconfitte determinanti, Torino e Bergamo, che hanno decretato l'esclusione dai play off scudetto della formazione adriatica. Per trovare una stagione anonima per la formazione marchigiana come quella appena trascorsa, dobbiamo ritornare con la memoria al 2014, ultima stagione con girone unico come l'ultima edizione, nella quale i Gls Dolphins furono esclusi dalla lotta per il titolo anzitempo. Senza dubbio il rinnovamento e il ringiovanimento in atto nella compagine del presidente Lombardi ha avuto il suo peso nei risultati finali ottenuti, ma forse non è stato solo questo il limite degli adriatici che indubbiamente hanno sofferto troppo in alcuni scontri fondamentali per il prosieguo del campionato, e a volte probabilmente troppo prevedibili nel game plan. Anche i continui infortuni hanno minato seriamente la stagione della formazione anconetana che ha praticamente dovuto rinunciare al ricevitore Marchini fin dall'inizio del campionato, oltre ad una serie infinita di defezioni degli uomini di linea in modo particolare, che in qualche caso hanno messo in difficoltà anche lo staff tecnico per  trovare delle soluzioni alternative.

Lo stesso Ryan Kasdorf, spettacolare protagonista nella scorsa stagione, quest'anno ha subito due infortuni, prima al polso sinistro, che lo ha portato a saltare la partita con Parma, rientrando in campo con i Giaguari Torino dopo tre settimane di gesso al braccio, e naturalmente non in perfette condizioni. A seguire nell'incontro successivo nel derby marchigiano di nuovo il forte quarterback statunitense dei GLS, nel rilasci dell'ovale ha riportato un colpo alla mano destra con la conseguente frattura del pollice destro. Due esempi eclatanti per due pedine fondamentali nell'economia del gioco d'attacco dell'offense coordinator Alpini,tanto per fare un esempio senza entrare nel dettaglio della lunghissima lista dell'infermeria dorica. Nel rovescio della medaglia restano invece incisi i nomi dei tanti giovani provenienti dall'Under 19 che hanno fatto il loro esordio in IFL nell'età compresa tra i 16 e i 19 anni e che indubbiamente nel corso della stagione sono cresciuti e potranno portarsi in dote questa esperienza nel prossimo campionato giovanile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento