Volley, per la Sampress lavoro in sala pesi in attesa di poter tornare in campo

L’emergenza legata al diffondersi del Coronavirus ma anche l’evolversi della stagione sportiva hanno cambiato le carte in tavola per la Sampress Nova Volley

Davide Sarnari

LORETO – L’emergenza legata al diffondersi del Coronavirus ma anche l’evolversi della stagione sportiva hanno cambiato le carte in tavola per la Sampress Nova Volley formazione che milita nel campionato nazionale di serie B. A fare il punto della situazione è Davide Sarnari preparatore atletico della squadra allenata da Romano Giannini.

«L’evolversi della stagione sportiva a volte è una cosa complicata da decifrare. Noi ad esempio in concomitanza con la pausa natalizia abbiamo effettuato un richiamo alla preparazione estiva. Questi rinvii legati al Coronavirus potrebbero allungare la stagione con le partite non disputate che verranno recuperate strada facendo. Nel complesso è un periodo particolare perché non possiamo allenarci insieme in campo ed è complicato per i meccanismi di squadra. Dal punto di fisico cercheremo di non fermarci e di lavorare il più possibile per trovarci pronti alla ripartenza del campionato. Lavoreremo comunque in sala pesi, sempre tenendo in considerazione le disposizioni che riguardano la prevenzione della salute e con l'allenatore stiamo preparando del lavoro per i ragazzi da poter fare a casa, in modo da non fermarsi almeno dal punto di vista atletico. Il lavoro che stiamo facendo in questo periodo è quello di mantenimento della forza fisica proprio per conservare al meglio il lavoro fatto in questi mesi».

Punto di vista prezioso quello di Davide Sarnari che guarda con orgoglio agli ultimi 2 anni di risultati positivi con la guida dell’allenatore Romano Giannini. «Conta molto anche la sinergia dell’intero staff e con coach Giannini il rapporto è ottimo - prosegue Sarnari - C’è fiducia e rispetto per le rispettive peculiarità e questo favorisce il raggiungimento dei risultati anche perché la squadra percepisce che c’è feeling e si lavora tutti nella stessa direzione». Sicuramente la questione Coronavirus lascerà strascichi. «Onestamente la pallavolo passa in secondo piano nella vita di tutti noi rispetto alla salute e comprendo la prudenza. L’auspicio è che l’emergenza passi per tornare alla vita normale e dunque anche a poter parlare davvero di pallavolo». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento