Lunedì, 17 Maggio 2021
Sport

Il Covid rivoluziona il calcio, cambia tutto tra i dilettanti: format ridotti e incertezze

La Figc Marche ha approvato la nuova composizione degli organici: Eccellenza a 18 squadre, 3 gironi in Promozione, 5 in Prima e 13 in Seconda. In dubbio playoff e playout

Foto di repertorio

Rivoluzione nel calcio marchigiano. Il Comitato regionale della Figc ha varato il nuovo format dei campionati. L’Eccellenza resta a girone unico, con 18 squadre tra cui l’Anconitana. Ma sotto cambia tutto. La Promozione è stata spacchettata in 3 gironi da 12 squadre ciascuno. In Prima Categoria ci saranno 5 raggruppamenti da 13 squadre, in Seconda Categoria 10 gironi da 13 ciascuno. Tutto questo per «la situazione relativa all’emergenza del Covid-19, con le difficoltà delle società sportive a riprendere l’attività». In definitiva, l’obiettivo è accorciare i tempi della stagione 2020/21 e ridurre il più possibile gli spostamenti.

Alla luce di questa decisione, una vera rivoluzione per il calcio marchigiano, e a seguito della rinuncia della Sampaolese alla Promozione, il Comitato regionale ha disposto il ripescaggio del Centobuchi in Promozione. A cascata, in Prima Categoria sale il Castelbellino e in Seconda il Real Molino, la Marottese Arcobaleno e il Pole Calcio. Per l’Eccellenza è stato confermato il via il 27 settembre, mentre il primo turno di Coppa è stato posticipato a mercoledì 7 ottobre. Tutti gli altri campionati partiranno successivamente al 15 ottobre. Prorogate al 4 settembre le iscrizioni al campionato di Terza Categoria. A causa del Covid, per quest’anno sono state annullate le edizioni della Coppa Italia di Promozione, Prima e Seconda Categoria. Possibile anche l'annullamento di playoff e playout, ma nulla in merito è stato ancora deciso. Quanto al campionato Juniores Under 19, viste le iscrizioni perfezionate da 46 società, vengono ripescate Castel di Lama e Cuprense in previsione di 4 gironi da 12 squadre ciascuno. Ora si attende la composizione dei gironi e dei calendari. 

Restano forti dubbi, però, sulla ripresa dei campionati, visti i due contagi all'Osimana e le perplessità dei presidenti di molti club sui protocolli anti-Covid troppo stringenti e la difficoltà di rispettare le regole: diverse squadre hanno sospeso o rinviato la preparazione (in Eccellenza, ad esempio, l'ha fatto il Montefano), invocando una modifica delle normative. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Covid rivoluziona il calcio, cambia tutto tra i dilettanti: format ridotti e incertezze

AnconaToday è in caricamento