Sport Osimo

Osimo, Christian Silvi verso la Madrid-Segovia: 100 km in un'unica tappa

Classificato al 4° posto alla 100 Km del Sahara, l'osimano Christian Silvi pensa già alle gare future. Domenica lo aspetta la 30 km Cortina-Dobbiaco, a giugno la 100 km della Magraid e a settembre la 100 km in un'unica tappa in Spagna: la Madrid-Segovia

Christian Silvi ha vinto la sua sfida e lo ha fatto portando a casa un risultato eccellente. Il quarantenne osimano ha conquistato il 4° posto alla 100 km del Sahara, gara a quattro tappe di trail-running-adventure che quest'anno si è tenuta in Senegal e riservata a runners, walker e nordic walking. Nel continente africano si sono sfidati 50 corridori provenienti soprattutto dall'Europa. «E' stata un'esperienza unica, era la prima volta che correvo nel deserto. E' stato molto impegnativo. Per me era già tanto essere lì, finirla con questo piazzamento è stata una grande soddisfazione. Non me l'aspettavo- racconta Silvi-. Per la distanza ero allenato ma il caldo e la fatica si sono fatti sentire. Le vesciche hanno reso la corsa ancor più dura. La sabbia entrava nelle scarpe ed era come carta vetrata. Mi fermavo, toglievo la scarpa, mi medicavo, mettevo il cerotto e ripartivo».

Correre nel deserto con 35-40° non è stata proprio una passeggiata. Qualche maratoneta è addirittura svenuto. Ma Christian Silvi ha mai temuto di non farcela? «Sì, durante la terza tappa di 27 km. A 7 km dalla fine me la sono vista brutta. Stavo male, avevo la nausea. In questi casi subentra la testa, non mi sono arreso e sono andato avanti». Nonostante le difficoltà, l'esperienza dell'osimano è stata incredibile. «Ho vissuto emozioni forti, diverse. Passi in mezzo ai villaggi e vedi i bambini. Ti rendi conto di come vivono e di quello che non hanno. Ti chiedono penne non giocattoli. Capisci l'importanza di un bicchier d'acqua. La povertà si vede in tv ma di persona è toccante, ti stringe il cuore. Mentre corri è un'emozione forte, è tutto amplificato. Ho realizzato dopo, quando sono tornato a casa».

Per il futuro Silvi ha già le idee chiare. La lista di gare a cui intende partecipare è lunga. Domenica 31 maggio parteciperà alla Cortina-Dobbiaco, 30 km lungo il percorso della vecchia ferrovia quindi sullo sterrato. Il 19-20-21 giugno è la volta della Magraid, la 100 km in tre tappe in una zona stepposa in provincia di Pordenone. «L'ho già fatta lo scorso anno ma sono andato piano. Quest'anno voglio provare a spingere anche se non conto di arrivare tra i primi cinque. Il livello è molto alto» dice l'atleta. In programma ci sono altre gare di montagna da 50 km in su fino ad arrivare all'impresa di settembre in Spagna: la Madrid - Segovia. 100 km in un'unica tappa, si percorre un tratto del cammino di Santiago De Compostela. «Prediligo il trail, la corsa non sull'asfalto ma nella natura. Ho iniziato a correre 7 anni da per rimettermi in forma poi piano piano ho iniziato ad aumentare i km. Ero arrivato ad un punto in cui non mi bastavano più emozioni e km quindi sono andato oltre- afferma il maratoneta osimano-. Io voglio superare i miei limiti, per me non è importante arrivare tra i primi anche se correre con chi è in vantaggio è divertente. Quello che viene viene. Se mi piazzo in una buona posizione ben venga». Sulla pagina Facebook "Christian Silvi S-Runner", le foto della sua impresa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Osimo, Christian Silvi verso la Madrid-Segovia: 100 km in un'unica tappa

AnconaToday è in caricamento