Mercoledì, 23 Giugno 2021
Sport

A Capua nuova battuta d'arresto, cuore ed orgoglio non bastano

Nella terza giornata di ritorno, la formazione biancoblù è stata sconfitta in quel di Capua dalla locale compagine, la nuova battuta d'arresto costa ai marchigiani un salto all'indietro in classifica

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Terza giornata ritorno Campionato Nazionale Pallamano serie A 2. A Capua nuova battuta d'arresto, cuore ed orgoglio non bastano

Nella terza giornata di ritorno, la formazione biancoblù è stata sconfitta in quel di Capua dalla locale compagine, la nuova battuta d'arresto costa ai marchigiani un salto all'indietro in classifica e la quasi certezza di non centrare la zona play off.


La partita ha visto i padroni di casa aggressivi per tutti i 60', mentre i ragazzi di mister Cocilova hanno
sicuramente sentito la pressione dell'incontro. Le due squadre con defezione da entrambe le parti hanno giocato un primo tempo equilibrato: Chiaravalle subito avanti, riusciva a tener testa alle azioni dei campani e si portava subito sul 4 a 1 poi al 12' bruttissimo fallo su Ceresoli sanzionato con il rosso, da qui alla fine del tempo un continuo rincorrersi con Chiaravalle quasi sempre avanti e primo tempo che vedeva andare le due squadre negli spogliatoi sul punteggio di 13 pari.
Al rientro in campo i ragazzi di mister Cocilova si accorgevano subito che qualcosa nell' incontro era cambiato, nei primi minuti della ripresa si continua a giocare punto punto, al 18' i padroni di casa piazzano un break e vanno avanti di 5 lunghezze che arrivano poi a 9, con i marchigiani alla disperata ricerca di rientrare in partita; ci provano con il terzino Maltoni marcato a uomo tutta la partita e grazie alle parate del portiere Aprilanti.
I padroni di casa conducono però in porto l'incontro sul 34-23 finale.

La delusione campeggia nelle parole del tecnico Cocilova a fine gara: "Devo dire innanzitutto che il Capua ha fatto una bella partita e ha meritato di vincere, erano mentalmente più liberi: questo in campo si è visto, la nostra partita è stata al di sotto delle nostre possibilità.
Nel secondo tempo sono uscite dal cilindro discutibili decisioni arbitrali da parte dei direttori di gara che hanno fischiato quasi a senso unico.
Mi è piaciuto l'approccio alla gara da parte della squadra tutti i ragazzi sono stati encomiabili sia sul piano del gioco, che su quello relativo alla coesione del gruppo perché, fare squadra, significa entrare a far parte dello stesso progetto in cui tutti sono importanti per il risultato finale.
Diversamente dal Capua in difesa non abbiamo giocato con la giusta intensità ed aggressività, non aiutando
i nostri portieri, mentre in attacco siamo stati bravi in alcune situazioni ma imprecisi in momenti in cui invece non bisognava sbagliare. Una condanna troppo severa per una Pallamano Chiaravalle comunque orgogliosa.
Ed ora a fine anno e tempo di bilanci dopo un girone di alti e bassi e di punti persi lungo il cammino per capitan Menditto e compagni, bilancio che può sembrar buono se si guarda l'età media dei giocatori chiaravallesi ma a cui mancano sicuramente alcuni punti lasciati per strada.
Adesso le meritate vacanze e poi si ricomincia il due febbraio con il Cingoli per un derby tutto marchigiano.

Capua - Pallamano Chiaravalle 34-23 (p.t. 13-13)
Chiaravalle: Aprilanti, Braconi 2, De Luca W, Albanesi 2, Bagnarelli, Bernabei 5, Evangelisti 1, Ceresoli m, Ceresoli S,
Cognini 2, Maiolini, Brutti, Maltoni 8, De Luca F. all. Cocilova

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Capua nuova battuta d'arresto, cuore ed orgoglio non bastano

AnconaToday è in caricamento