rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Sport

Canil-Tiong, summit a Matelica: due gli scenari sul tavolo per l’Ancona

Il patron e l’imprenditore malese si sono incontrati. Potrebbe esserci una conferenza stampa entro il mese

Il primo giorno dell’imprenditore malese Tony Tiong ad Ancona è stato molto intenso, sotto tutti i punti di vista. Primo giorno culminato nell’incontro con l’attuale patron dell’Ancona Mauro Canil di cui diremo a brevissimo. L’interessamento ad entrare nei quadri del club biancorosso di Mr.Tiong, espressione del Gruppo Tiong fondatore del conglomerato internazionale RH Group e direttore di Owlsome (sigla che riunisce aziende impegnate nel settore del tempo libero), appare ormai come cosa nota tanto che lo stesso ha anticipato di qualche ora il suo arrivo nel capoluogo per evitare imprevisti (era atteso per oggi, 17 febbario, e invece è arrivato ieri sera intorno alle 22 con volo privato all’aeroporto di Falconara). Una passeggiata per il viale della Vittoria, dove alloggia, questa mattina e poi via direzione Matelica, con ogni probabilità verso il quartier generale della Fidea di Canil, dove dopo pranzo si è tenuto il primo summit dal vivo – aggiornamenti precedenti erano avvenuti solo in videoconferenza o per interposte persone - tra i due. Le parti, secondo quanto raccolto, non dovrebbero riaggiornarsi prima di lunedì prossimo con Tiong che in questi giorni curerà anche altri interessi commerciali in giro per l’Italia.

DUE SCENARI POSSIBILI

Dal momento che non ci sono state dichiarazioni ufficiali né dall’una né dall’altra parte (ad eccezione di un comunicato della società Ancona Matelica del 5 febbraio scorso), bisogna necessariamente rimanere nel campo dei rumors e degli spifferi. L’ipotesi più accreditata, e percorribile, vorrebbe Tiong interessato a rilevare il pacchetto di maggioranza del club. Le condizioni poste, sponda Ancona, riguarderebbero la presenza sia del patron Mauro Canil sia dell’attuale organigramma societario, a cominciare dalla dg Roberta Nocelli. La trattativa, non chiusa, sembrerebbe a buon punto. Se qualche tassello non dovesse essere al suo posto, il dialogo si chiuderebbe con un nulla di fatto. L’altro scenario, esistente ma non molto quotato, è quello dell’entrata in minoranza dell’imprenditore malese con la maggioranza che resterebbe in capo a Canil così come avviene allo stato attuale delle cose. In pochi, onestamente, credono a questa direzione anche perché risulterebbe difficile pensare ad una tale operazione – anche da un punto di vista logistico e geografico – solo per un ingresso in partnership. Un altro capitolo da definire è quello riferito a Roberto Ripa. L’ex calciatore dell’Ancona e Team Manager della Fiorentina, è ritenuto l’emissario numero uno di Tiong in quest’operazione.

CONFERENZA IN CANTIERE

Un aspetto che non va tralasciato riguarda l'informazione alla piazza e alla tifoseria, punto determinante di qualsiasi operazione futura di questo tipo come annunciato lo scorso 15 giugno alla Mole nella presentazione alla città della nuova Ancona che stava nascendo. Da questo punto di vista la dg Nocelli ha già chiarito ogni dubbio, annunciando la stessa conferenza non appena la situazione sarà definita “nel rispetto della chiarezza e della trasparenza che la società ha sempre mostrato”. Per chiudere il “discorso conferenza”, l’impressione è che, se tutto dovesse andare secondo tabella di marcia, le prossime due settimane potrebbero essere buone.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canil-Tiong, summit a Matelica: due gli scenari sul tavolo per l’Ancona

AnconaToday è in caricamento