Venerdì, 18 Giugno 2021
Sport

Jesi si candida come “Città Europea dello sport 2014”, oggi la Commissione in città

La commissione dell'Aces valuterà palazzetto dello sport, polisportivo Cardinaletti, palascherma, stadio comunale, piscina comunale, palestre Zannoni, campo da rugby, poligono di tiro e bocciodromo comunale

Il Palazzetto dello Sport di Jesi

È arrivata ieri sera in città la commissione dell'Aces - Associazione capitali europee dello sport - l'organizzazione no-profit che, in collaborazione con la Commissione europea e con il Coni, sarà chiamata a verificare i requisiti di Jesi per l'attribuzione del riconoscimento Città Europea dello Sport 2014, sulla scorta della domanda presentata dalla Giunta comunale.

Questa mattina, dopo il ricevimento in Comune, la Commissione visiterà nell'ordine palazzetto dello sport, polisportivo Cardinaletti, palascherma, stadio comunale, piscina comunale e le attigue palestre Zannoni, campo da rugby, poligono di tiro e bocciodromo comunale. In serata è prevista poi la riunione con le associazioni sportive presso la pinacoteca comunale e la cena offerta dal Panathlon.

L'Amministrazione comunale ha organizzato tutto nei dettagli per garantire alla Commissione di poter toccare con mano le eccellenze di una città che vanta circa 120 società sportive, oltre 17 mila tesserati, 30 impianti pubblici, con una diffusa attività di base sostenuta dagli enti di promozione sportiva, con piena integrazione dei diversamente abili, con attività fisica che abbraccia tutte le generazioni dai nascituri alla quarta età, senza dimenticare il prestigio acquisito nello sport a livello mondiale a partire dalle olimpioniche del fioretto.

“L'auspicato accoglimento della candidatura - ha sottolineato l'assessore allo sport Ugo Coltorti -  potrà determinare una positiva ricaduta anche nella realtà turistica cittadina in considerazione della risonanza nazionale ed internazionale del riconoscimento”, con ciò in linea con uno degli obiettivi del settore sport sanciti con il programma di mandato approvato dal Consiglio comunale dove si mira a “valorizzare le proposte sportive attraverso l'organizzazione di eventi, tornei, meeting, come strumento per sviluppare ed incrementare il turismo”, tenuto conto che “il turismo sportivo può diventare una nuova risorsa per la nostra città e di conseguenza va incrementato e sostenuto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jesi si candida come “Città Europea dello sport 2014”, oggi la Commissione in città

AnconaToday è in caricamento