rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Calcio

Biagio Nazzaro all'inseguimento della prima gioia esterna

I rossoblu, con due pareggi in altrettanti incontri disputati in trasferta, fanno visita ad una Sangiustese che dal canto suo non esulta tra le mura amiche da oltre due anni

L’ottava giornata d’Eccellenza mette la Biagio di fronte alla Sangiustese. I rossoblù di casa, guidati da Nello Viti, sono un avversario alla portata della compagine chiaravallese, che peraltro ha dimostrato di poter competere alla pari contro ogni formazione. Ruolino di marcia perfettamente bilanciato quello della “Stese”: due vittorie, due pareggi e due sconfitte nei sei incontri fin qui disputati e posizione di classifica nel classico guado, in bilico tra le ambizioni dei “piani di sopra” e le preoccupazioni di quelli “di sotto”. La graduatoria, peraltro, è ancora molto fluida in alto e poco segmentata anche in basso, dove il solo San Marco Servigliano sembra essere non all’altezza di un campionato difficile ed equilibrato. Sarà, pertanto, importantissimo per la Biagio Nazzaro fare risultato e allungare la striscia positiva contro un avversario che non esulta in casa da oltre due anni: l’ultima affermazione interna della Sangiustese risale infatti al 5-1 sull’Avezzano, datato 8 settembre 2019, ai tempi della Serie D.

Il primo confronto tra le due squadre, disputato in un’epoca in cui non esistevano pause per le festività comandate, andò in scena la vigilia di Natale dell’anno 1978. Anche allora non si giocò a Monte S. Giusto: la Sangiustese, infatti, che aveva chiuso l’annata precedente al secondo posto dietro all’invincibile Falconarese del presidente Bedetti e di mister Fiorindi, non potendo disporre di un terreno regolamentare, trovò ospitalità a Corridonia. Quella partita, valevole per la quindicesima giornata del campionato di Promozione, si chiuse 2-0 per i padroni di casa, con reti di Natalini al 40′ e Palini all’81’.

Malavenda può sorridere, potendo recuperare qualche pezzo pregiato: Tomba, Carbonari e Rossini sono tornati disponibili, mentre mancheranno i due diciannovenni laterali destri Terranova e Cerolini, ancora alle prese con i postumi di infortuni.
Con il ritorno all’ora solare, si gioca domenica alle 14.30 (direzione di gara affidata a Samira Curia di Ascoli Piceno, coadiuvato da Stefano Morganti della sezione di Ascoli e da Alessandro Pascoli di Macerata). Va appuntato anche il luogo della gara: non il Comunale di Villa S. Filippo, ma il campo sportivo “La Croce” della vicina Montegranaro, che da un paio d’anni è la nuova tana della Sangiustese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biagio Nazzaro all'inseguimento della prima gioia esterna

AnconaToday è in caricamento